Covid, cala l'incidenza, speranza arancione per la Toscana

Covid, cala l'incidenza, speranza arancione per la Toscana
Toscana Media News INTERNO

La diminuzione dei nuovi casi positivi registrati negli ultimi 4 giorni, anche a causa del calo dei tamponi processati durante le festività pasquali, ha però portato l'incidenza del contagio della settimana compresa fra il 2 e l'8 aprile intorno ai 230-240 nuovi casi, quindi al di sotto della fatidica soglia dei 250.

Ma una timida speranza che la prossima settimana la Toscana non sia tutta in rosso è legittima

Oppure la zona arancione potrebbe scattare a livello regionale facendo però rimanere in rosso su ordinanza della Regione le province dove l'incidenza settimanale è ancora sopra il limite: sulla base dei dati di ieri Prato (326 nuovi casi ogni 100mila abitanti), Firenze (289x100mila) e Lucca (264x100mila). (Toscana Media News)

Su altri giornali

«Gli ospedali sono al limite, nessuna riapertura se non calano i contagi», dicono i sindacalisti Cgil Riccardo Bartolini e Pasquale D’Onofrio Il problema del sovraffollamento degli ospedali si lega a doppia mandata anche a quello delle cure negate ai cittadini non ammalati di Covid. (La Nazione)

Ma c'è un ma: il Comitato tecnico-scientifico del governo potrebbe considerare la situazione toscana dei ricoveri così grave da consigliare la permanenza della Toscana in zona rossa per attenuare la pressione degli ospedali La Sardegna rischia invece di finire in lockdown, raggiungendo in zona rossa Valle d’Aosta, Campania e Puglia. (FirenzeToday)

In bilico sulla zona rossa anche la Calabria e la Sardegna. Qualora il Ministero confermi comunque il passaggio della Toscana in zona arancione, resta da vedere se il governatore Giani riterrà opportuno istituire zone rosse localizzate nelle province dove il contagio è ancora troppo elevato (vedi qui sotto gli articoli collegati) (Toscana Media News)

Coronavirus: la Toscana verso la zona arancione

«Io formalmente non posso intervenire — spiega Lo Presti — non sono né un assessore regionale né il presidente. Alla riunione il governatore Eugenio Giani non ha partecipato, spiegano dal suo staff, è arrivato solo al termine del confronto. (Corriere Fiorentino)

In sostanza, al primo rilevamento sotto il valore dei 250 casi si potrebbe tornare in arancione. La pressione sugli ospedali è dunque fortissima e il Comitato tecnico e scientifico potrebbe valutare la gravità della situazione tale da giustificare la permanenza in rosso dell'intera Toscana (FirenzeToday)

"La Toscana è tra le regioni che hanno somministrato più vaccini con AstraZeneca alla fascia di età 70-79. Ora abbiamo bisogno di più dosi di vaccini da somministrare! (PisaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr