Emiliano a Nardò davanti alla Cgil: tensione per il caso politico locale

Emiliano a Nardò davanti alla Cgil: tensione per il caso politico locale
Più informazioni:
LeccePrima INTERNO

È nota l'estrazione politica di Mellone ed è per questo motivo che il sostegno reso da Emiliano ha suscitato disapprovazione negli ambienti di sinistra

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, dopo la visita alla Cgil di Lecce, si è recato a Nardò, accompagnato dalla segretaria generale Valentina Fragassi, per solidarizzare dopo l'attacco di stampo neofascista alla sede romana del sindacato e per aggiungere che è intenzione ferma spingere il governo verso lo scioglimento di movimenti come Forza Nuova e Casapound. (LeccePrima)

Ne parlano anche altre testate

BARI - Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha portato oggi la sua solidarietà alla Cgil intervenendo al presidio organizzato nella sede di Lecce:“La posizione che tutti dobbiamo assumere è questa - ha detto Emiliano - Forza nuova e Casapound vanno sciolte perché sono organizzazioni neofasciste con le quali non si può più ragionare e bisogna assolutamente applicare le leggi. (Giornale di Puglia)

E’ a partire da questa affermazione che la segretaria ha lanciato al presidente l’invito, raccolto senza esitazione, a portare la solidarietà anche a Nardò (La Repubblica)

Emiliano è stato accolto tra le polemiche per la recente campagna elettorale a favore del sindaco uscente Pippi Mellone rieletto col 75% dei voti. Il video in basso della Cgil Lecce (Borderline24.com)

Emiliano alla Cgil di Nardò dopo i fatti di Roma contestato duramente per l'appoggio a Mellone. “La città non è fascista e non la trasformerete in fascista”

Anche in Puglia sono stati centinaia i presidi organizzati davanti alle sedi della Cgil e delle Camere del Lavoro. Su invito della segretaria provinciale della Cgil di Lecce, Valentina Fragassi, Emiliano, dopo essere stato nella sede del sindacato a Lecce, si è recato a Nardò (Quotidiano del Sud)

Affermazioni queste che dovrebbero circoscrivere il suo orientamento politico dopo il clamoroso sostegno al sindaco di Nardò Pippi Mellone, da sempre vicino all’estrema destra. Ma Emiliano rivendica il diritto di alzare il pugno “sono stato un iscritto al Pci” dice e poi si confronta con i presenti . (CORRIERE DEL GIORNO)

I sindacalisti neretini hanno protestato con veemenza all’arrivo del presidente Emiliano, reo, secondo loro, di aver legittimato l’estrema destra, quella dei nostalgici. Una decina di componenti della Cgil, posizionati all’ingresso della sede, hanno rimproverato al governatore di aver fatto accordi con i “neofascisti”. (Corriere Salentino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr