Terza dose di vaccino anti-Covid, efficacia e anticorpi: ecco per chi è necessaria la somministrazione

Gazzetta del Sud INTERNO

Circolare del ministero: terza dose agli over 40 dall'1 dicembre. Via libera ufficiale alla terza dose del vaccino anti Covid, anche per la fascia di età 40-59 anni dal primo dicembre, a sei mesi dall’ultima somministrazione.

Dopo quanto tempo dalla seconda dose si deve somministrare la dose addizionale?

- Le Faq dell'Aifa -. Perché si è resa necessaria una dose addizionale di vaccino?

In base alle conoscenze attuali il dosaggio raccomandato per la dose addizionale è uguale al dosaggio autorizzato per il ciclo primario. (Gazzetta del Sud)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Rimangono comunque attive per i cittadini le possibilità di prenotare anche attraverso i Cup, Cuptel e Fascicolo sanitario elettronico. (Corriere Romagna)

Rimangono comunque attive per i cittadini le possibilità di prenotare anche attraverso i Cup, Cuptel e Fascicolo sanitario elettronico. A tutti gli altri cittadini Ausl Romagna ricorda che da lunedì 29 novembre non sarà più possibile l’accesso diretto ai punti vaccinali aziendali. (ravennanotizie.it)

Rimangono comunque attive per i cittadini le possibilità di prenotare anche attraverso i Cup, Cuptel e Fascicolo sanitario elettronico. L’Ausl invita i cittadini a spostare l’appuntamento già fissato solo in caso di effettiva necessità e con congruo anticipo. (Il Resto del Carlino)

Ecco le risposte a 5 quesiti di Jonathan Abraham, esperto di microbiologia presso il Blavatnik Institute della Harvard Medical School. Terza dose del vaccino anti-Covid, le risposte a 5 domande più frequenti: Esperto Harvard: affina le difese e non si usa solo per il Covid. (Gazzetta del Sud)

– Dal 1° dicembre 2021, via libera nelle Marche alla somministrazione della terza dose del ciclo vaccinale primario, anche ai soggetti di età pari o superiore a 18 anni (classe 2003 e precedenti), che abbiano effettuato la seconda dose (o il monodose Janssen) da almeno 5 mesi (150 giorni). (Piceno Oggi)

Da lunedì 29 novembre non sarà più possibile l’accesso diretto ai punti vaccinali aziendali. L'Ausl Romagna ricorda che "indipendentemente dal vaccino utilizzato per il primo ciclo, per il richiamo saranno sempre utilizzati vaccini a m-Rna, cioè Moderna o Pfizer, a seconda della disponibilità" (ForlìToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr