230 migranti saltano barriera Melilla e entrano in Spagna

La Gazzetta del Mezzogiorno ESTERI

iù di 230 migranti sono riusciti a entrare in territorio spagnolo saltando in massa la barriera situata alla frontiera tra il Marocco e l'enclave di Melilla.

Il fatto riportato è avvenuto poco prima delle 7 del mattino.

Anche nei giorni scorsi ci sono stati dei tentativi di accesso irregolare in territorio spagnolo, l'ultimo dei quali ha coinvolto una ventina di migranti

Si tratta di uno dei salti di massa della barriera alla frontiera di questa enclave che hanno coinvolto più persone negli ultimi anni. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

La notizia riportata su altre testate

Il fatto riportato è avvenuto poco prima delle 7 del mattino. Anche nei giorni scorsi ci sono stati dei tentativi di accesso irregolare in territorio spagnolo, l’ultimo dei quali ha coinvolto una ventina di migranti (Libertà)

Si tratta come detto della terza irruzione in appena due settimane All'interno della struttura ci sono già in quarantena altri due gruppi -uno di un centinaio di persone, un altro di una ventina- che sono riusciti a scavalcare la recinzione la settimana scorsa. (La Stampa)

Ansa Madrid: "Oltre 230 migranti saltano la barriera di Melilla ed entrano in Spagna". Oltre 230 i migranti sono riusciti a entrare in territorio spagnolo saltando in massa la barriera situata alla frontiera tra il Marocco e l'enclave di Melilla. (Notizie - MSN Italia)

Le forze di sicurezza marocchine hanno perciò sventato una nuova entrata in massa di migranti in territorio spagnolo dopo quello avvenuto ieri mattina. Lo rende noto l'agenzia di stampa Efe, che cita fonti della delegazione del governo centrale nell'enclave. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Alcuni sono giunti feriti. Sono oltre 230 i migranti che hanno saltato la barriera di Melilla entrando in Spagna. In questa ultima enclave spagnola in Marocco, nel mese di maggio, sono stati addirittura 10mila i migranti che hanno saltato la barriera nel giro di due giorni (Inews24)

E forse, è la sensazione tra i corridoi diplomatici, il Marocco vuol far sentire le sue ragioni anche puntando sulla questione migratoria Quegli assalti non casuali. Ceuta e Melilla vivono da anni con lo spettro delle ondate migratorie. (InsideOver)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr