Condannato all'ergastolo per omicidio di mafia, avrà la semilibertà

Condannato all'ergastolo per omicidio di mafia, avrà la semilibertà
gonews INTERNO

Sutera ha chiesto e ottenuto la semilibertà dopo un primo diniego lo scorso anno.

Sta scontando l'ergastolo per un omicidio di mafia legato a una 17enne ma uscirà dal carcere.

Sutera poi fu assolto assieme al fratello giovanni perché il fatto non sussiste, dall'accusa di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio

Nell'arco della giornata Sutera potrà uscire dal carcere per fare volontariato e assistenza agli anziani, ma dovrà tornare in cella. (gonews)

Su altre testate

Non mi sento rappresentato da questo Stato”, dice Piero Campagna, fratello di Graziella. Dopo il via libera è stato trasferito dal carcere di Prato a quello di Sollicciano in modo da poter raggiungere più agevolmente l’associazione in cui presterà la sua opera. (lasiciliaweb | Notizie di Sicilia)

Giovanni Sutera in passato aveva già goduto del regime della libertà condizionale, che non prevede il rientro in carcere la sera “Spesso parlo nelle scuole di legalità – prosegue Campagna – ma quando ci chiedono gli assassini di vostra sorella dove sono cosa rispondo?”. (BlogSicilia.it)

Per l’omicidio sono stati condannati all’ergastolo Gerlando Alberti Jr e Giovanni Sutera Inoltre Sutera è un criminale che non si è mai pentito come può lavorare mi chiedo per un’associazione di volontariato? (Giornale di Sicilia)

Mafia, uccise Graziella Campagna: in semilibertà il palermitano Giovanni Sutera

L'avvocato della famiglia, Fabio Repici: "La memoria delle vittime è abbandonata dallo Stato, al di là della vuota retorica delle commemorazioni ufficiali" Il fratello: "Uccisa un'altra volta" di Salvo Palazzolo. (La Repubblica)

E’ amareggiato Pietro Campagna, fratello di Graziella, vittima di mafia, uccisa barbaramente a 17 anni il 12 dicembre 1985 nei pressi di Forte Campone, vicino Messina, dopo la notizia della semilibertà concessa a Giovanni Sutera (Gazzetta del Sud)

Anche Alberti junior è stato condannato all'ergastolo per l'uccisione di Graziella Campagna. L'accusa, si legge ancora, era quella di aver finanziato una coltivazione di marijuana in Spagna, che poi sarebbe stata destinata al mercato italiano (PalermoToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr