In Sicilia l'incidenza più alta d'Italia, almeno altri 10 giorni per la zona bianca: oggi l'ok ad altr

In Sicilia l'incidenza più alta d'Italia, almeno altri 10 giorni per la zona bianca: oggi l'ok ad altr
TGS INTERNO

Tre i decessi, è stato registrato un nuovo ingresso in terapia intensiva, per un totale di 38 ricoverati nei reparti.

La Sicilia dovrà attendere il 21 giugno, a meno di colpi di scena altamente improbabili.

L'incidenza per 100 mila abitanti è a quota 40 rendendo la Sicilia la regione con quella più alta in Italia.

Un numero che non minaccia la zona bianca, anche perché destinato a calare ulteriormente, ma che dimostra come la discesa della curva Covid in Sicilia sia abbastanza lenta. (TGS)

La notizia riportata su altri media

"Se è vero che non ci sono dati su trombosi nella seconda somministrazione - dice Viola - è anche vero che sono pochissimi visto che in pochi hanno ricevuto due volte il siero: bisogna avere il coraggio di dire che serve fare un altro vaccino e non AstraZeneca se si ha meno di 60 anni”. (RagusaNews)

«Per quanto riguarda la seconda dose con un vaccino diverso - sottolinea - continuo a ripetere che senza dati non si vaccina. Ad oggi, un previsto open day è stato revocato a Napoli e la Sicilia ha sospeso il vaccino anglo-svedese in via cautelativa sotto i 60 anni. (RagusaNews)

La Sicilia sospende i vaccini AstraZeneca per gli under 60: "Attendiamo parere del Cts". La direttiva arriva dal dirigente Generale ad interim del Dasoe (Dipartimento per le attività sanitarie e osservatorio epidemiologico), Mario La Rocca (La Repubblica)

Maxisequestro da un milione di euro a imprenditore ennese VIDEO

Il green pass in arrivo dal 1 luglio. La corsa dell’Italia alla riapertura prosegue e presto sarà supportata dal green pass, il certificato digitale Covid, che darà accesso a viaggi, cerimonie e probabilmente altri eventi e attività Niente zona bianca per la Sicilia, deluse le speranze di chi (pochi in realtà) sperava si potesse anticipare il ‘bianco’ al 14 giugno. (BlogSicilia.it)

Ragusa - "Un caso di trombosi ogni 100mila dosi di Astrazeneca", come riporta il rapporto Aifa, è poco? Si perché, se i giornali non avessero sollevato il problema, da Roma finora non sarebbe giunta ancora nessuna direttiva ufficiale a proposito. (RagusaNews)

che ha permesso di accertare l’esistenza di numerosi atti di attribuzione fittizia della titolarità o della disponibilità di beni, denaro o altra utilità, posti in essere dallo stesso al fine di sottrarli alla misura di prevenzione patrimoniale emessa su proposta del Direttore dalla DIA nei suoi confronti nel 2018. (Livesicilia.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr