BOLLETTINO PROTEZIONE CIVILE 26 MARZO/ Video conferenza stampa: 8165 morti (+662)

BOLLETTINO PROTEZIONE CIVILE 26 MARZO/ Video conferenza stampa: 8165 morti (+662)
Il Sussidiario.net Il Sussidiario.net (Interno)

Siamo riusciti a frenare la curva che avrebbe potuto impennarsi da un momento all’altro, ma i morti ci sono, è un bollettino di guerra».

Fino a prima del 26 marzo, l’ultimo bollettino nazionale vedeva 57521 casi positivi attuali, 9362 guariti, 7503 morti e un totale di infetti dall’inizio dell’epidemia che risale a 74386.

Su altre testate

Questi i dati reali aggiornati al 26 marzo 2020: Emergenza Coronavirus Dona da solo o con la tua lega. Il Dipartimento di Protezione Civile ha emesso anche oggi il bollettino ufficiale sulla situazione della diffusione e del contagio del coronavirus in Italia (Fantacalcio ®)

Si apre il bando infermieri. Il vicecapo della Protezione civile Agostino Miozzo, durante la conferenza stampa, ha annunciato che "da oggi alle 20 è aperto online l'appello per reclutare infermieri, all'indirizzo infermieripercovid. (Sky Tg24 )

A darci una visione più precisa sono i dati comunicati in questi istanti dalla Protezione Civile nel suo consueto bollettino. Coronavirus, bollettino Protezione Civile di oggi 26 marzo 2020. (Inews24)

Il numero totale dei contagi avvenuti sino ad ora si avvicina nettamente alla Cina e quasi sicuramente entro domani l’Italia diverrà il Paese con più contagi al mondo. Gli aggiornamenti odierni mostrano dunque un trend nuovamente in peggioramento con un repentino aumento dei casi positivi. (InMeteo)

Per questo motivo è stata creata una mail alla quale far pervenire le eventuali richieste: dipartimento@protezionecivilesicilia.it Eventuali deroghe, per motivi di necessità, lavoro o salute, possono essere concesse solo dal presidente della Regione Siciliana (GoalSicilia.it)

di Rita Querzè. Ecco i settori con relativi codici ateco che potranno aprire domani i cancelli e continuare a produrre. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti