Beatles: la rivelazione shock, ecco perché si sono sciolti

Beatles: la rivelazione shock, ecco perché si sono sciolti
Leggilo.org CULTURA E SPETTACOLO

Paul McCartney pubblicò il suo primo album da solista poco dopo la rottura definitiva e, per questo motivo, molti pensarono che sia stato proprio lui a portare allo scioglimento dei Beatles.

L’iconico gruppo – formato da Paul McCartney, John Lennon, George Harrison e Ringo Starr – fece letteralmente sognare la generazione degli anni sessanta.

I Beatles sono, e rimarranno sempre, una delle band più importanti della storia della musica internazionale. (Leggilo.org)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Fu John Lennon a volere la separazione dei Beatles, non Paul McCartney, sul quale però ricadde la maggior parte della colpa di avere messo fine alla rock band più famosa al mondo: a chiarire le cose, ancora una volta, è stato lo stesso McCartney in un'intervista alla Bbc, che verrà trasmessa su Radio 4 il 23 ottobre prossimo. (La Repubblica)

€ 614.238.333 (Mediaset Play)

Fu John Lennon il primo a comunicare l’intenzione di lasciare la band, nel lontano 1969, anticipando il progetto solista di Paul McCartney che, effettivamente, vedeva la lue pochi giorni dopo l’annuncio ufficiale. (OptiMagazine)

Chi ha portato allo scioglimento dei Beatles? La verità di Paul McCartney

Paul McCartney riapre il giallo, gli indiziati sono sei di Ernesto Assante. In un'intervista alla Bbc in onda a fine mese l'ex beatle respinge le accuse di essere stato la causa dello scioglimento della band. (La Repubblica)

L'audio originale, rigorosamente sottotitolato, si accompagna a materiale di repertorio inedito, testimonianze di esperti e amici Perno del documentario è la voce di John Lennon e il suo stato d’animo in quelle che sono state le sue ultime 48 ore di vita. (Guida TV)

Circa la questione riguardante Yoko Ono, Paul McCartney non la imputa la responsabile della scissione dei Beatles: “Era una coppia fantastica, c’era una grande forza lì” (Periodico Italiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr