Il Papu Gomez: "Non riesco a guardare le partite dell'Atalanta. Mi fanno male" - ilNapolista

Il Papu Gomez: Non riesco a guardare le partite dell'Atalanta. Mi fanno male - ilNapolista
Approfondimenti:
IlNapolista SPORT

A Sky Sport: “So di non essere io il colpevole di quella situazione, ma non si poteva andare avanti così.

Sono felice per loro perché stanno facendo molto bene e so che squadra è, ma non riesco.

Gomez parla della scelta spagnola:

Mi volevano far sparire tra USA e Arabia”. Dopo oltre due mesi dall’addio il Papu Gomez non ha ancora elaborato il “lutto” del passaggio forzato dall’Atalanta al Siviglia, dopo sette anni a Bergamo (IlNapolista)

Su altri giornali

Spagna, Papu Gomez: "In Italia il calcio è lento e i campi non sono i migliori". Papu Gomez al Siviglia. L'ex Atalanta ora al Siviglia: "Qui il campo è perfetto, la palla va velocissima. (la Repubblica)

Sono felice per loro perché stanno facendo molto bene e so che squadra è, ma non ci riesco. Per Gomez finora un goal in 14 partite in maglia Siviglia ed una crescente integrazione negli schemi di Lopetegui (Sport Fanpage)

"Avevo grandi offerte dalla MLS e dall'Arabia Saudita, con tantissimi soldi, ma non mi interessava. Nel momento in cui si è incrinato il rapporto con l'Atalanta, sono arrivate diverse proposte per Gomez. (fcinter1908)

Papu Gomez: "Faccio ancora fatica a vedere l'Atalanta. Mi fa male"

Ecco le dichiarazioni del centrocampista argentino. Intervistato ai microfoni di Sky Sport, il Papu Gomez, attualmente al Siviglia, è tornato così sulla separazione con l’Atalanta di Gasperini. Il Papu Gomez è tornato a parlare del sofferto addio all’Atalanta. (Juventus News 24)

Se penso a Bergamo, mi viene in mente una sola parola: tristezza". Ecco qui un picolo estratto, che riguarda il suo traumatico divorzio dall'Atalanta: "Sto ancora cercando di capire come sia successo tutto questo. (Sky Sport)

L'argentino oggi al Siviglia ha parlato del difficile distacco dalla Dea. E sottolinea: "Non sono io il colpevole ma così non si poteva andare avanti". Un addio doloroso, non ancora metabolizzato. (La Gazzetta dello Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr