Spesa: le insegne più convenienti secondo Altroconsumo, il risparmio può arrivare fino a 1.720 euro

Finanza.com ECONOMIA

I prezzi tra i negozi possono variare fino al 200%. Durante l’indagine si sono riscontrate delle importanti differenze di prezzo di alcuni articoli fra i diversi punti vendita

La mappa delle convenienza. Altroconsumo è andato quindi a identificare i livelli di risparmio sulla spesa nelle diverse città italiane (70).

Ma risparmiare si può, facendo attenzione a dove si fanno i propri acquisti e a quali prodotti si compra. (Finanza.com)

Su altre testate

Ecco nel dettaglio le catene più convenienti per tre tipologie di spesa: economica, mista o brand. Infine, per quanto riguarda le private label, l’insegna più conveniente risulta Conad con tutte le sue tipologie di punti vendita (Caffeina Magazine)

Secondo l'indagine, riportata anche dal quotidiano Repubblica, facendo la spesa nei discount si riuscirebbe addirittura a risparmiare fino a un mese di stipendio! di uno STUDIO di ALTROCONSUMO NON lasciano DUBBI. (iLMeteo.it)

Altroconsumo ha pubblicato la sua inchiesta annuale sui prezzi nei supermercati italiani, identificando i punti vendita più economici città per città. Esselunga ha infatti lanciato una serie di prodotti primo prezzo, scelta che a quanto pare ha migliorato la convenienza. (GQ Italia)

https://it.sputniknews.com/20210921/quali-sono-i-supermercati-piu-convenienti-ditalia-ce-lo-dice-altroconsumo-12989114.html. Quali sono i supermercati più convenienti d’Italia? 0. 1. Sputnik Italia feedback. (Sputnik Italia)

Dato l’assortimento dei discount più contenuto rispetto a un classico supermercato o ipermercato, Altroconsumo tiene la classifica separata tra i due formati Cambiando ad esempio l’insegna. Dalla Redazione. (Fruitbook Magazine)

Infine, per quanto riguarda le private label, l’insegna più conveniente risulta Conad con tutte le sue tipologie di punti vendita Parlando di punti vendita, invece, i più economici d’Italia sono i supermercati Rossetto di Rovigo e Brescia e l’Emisfero di Vicenza. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr