Peste suina africana, l'allevatore: “Alzato il livello d'allerta anche in Trentino, virus imprevedibile”

Peste suina africana, l'allevatore: “Alzato il livello d'allerta anche in Trentino, virus imprevedibile”
il Dolomiti INTERNO

Se il contagio dovesse allargarsi insomma, sottolinea Campostrini, ci sarebbe sicuramente “un impatto sul prezzo della carne” a livello nazionale.

“Per ora rimaniamo a vedere – dice l’allevatore aviense – diciamo che quello della peste suina africana è un problema che si sapeva prima o poi sarebbe potuto arrivare, era solo questione di tempo.

La peste suina africana può essere veicolata anche dagli alimenti infetti e addirittura dai predatori che si cibano della carne di un animale contagiato”

Peste suina africana, l’allevatore: “Alzato il livello d’allerta anche in Trentino, virus imprevedibile”. (il Dolomiti)

Ne parlano anche altri giornali

La notizia è stata confermata dalla Regione Piemonte, che già aveva preannunciato misure straordinarie per far fronte all’emergenza peste suina africana. Peste suina africana, quali sono i comuni in “zona infetta” in Piemonte. (inItalia)

Questa settimana – conclude Icardi – incontreremo le Organizzazioni sindacali agricole per fare il punto sugli sviluppi della situazione sanitaria. E’ salito complessivamente a 114 il numero dei Comuni, 78 in Piemonte e 36 in Liguria, compresi dal Ministero della Salute nella ‘zona infetta” da Peste Suina Africana, alla luce dei nuovi casi confermati – al momento sono quattro i cinghiali trovati morti per il virus – e in riferimento alle indicazioni della Commissione Europea. (La Provincia di Biella)

In Piemonte e in Liguria sono stati scoperti i primi focolai di peste suina ed ad essere più in allerta sono i territori in cui sono più presenti animali selvatici come i cinghiali. Animali che infettandosi possono trasmettere la malattia anche negli allevamenti suini. (VeronaSera)

Alessandria, vietata la caccia - Il piccolo

Limitazioni alla caccia anche nelle provincie limitrofe. Il Ministero della Salute ha dato disposizione anche alle regioni limitrofe alla zona infetta di mettere in atto una serie di misure per evitare il diffondersi della PSA, tra cui ci sono anche delle limitazioni all’attività venatoria. (IoCaccio.it)

Allarme peste suina in Lombardia: Regione attiva una task force Regione Lombardia ha attivato una task force per prevenire i contagi da peste suina. Che poi aggiunge: "La peste suina rappresenta un disastro per l'export di un comparto strategico come quello dei suini (Fanpage.it)

Peste suina,. i paesi coinvolti In provincia di Alessandria si allarga la "zona infetta". Fermare la caccia è anche un modo per ridurre i movimenti degli animali selvatici (Il Piccolo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr