Lucia Azzolina: "Didattica frontale non funziona più"

Lucia Azzolina: Didattica frontale non funziona più
Scuolainforma Scuolainforma (Interno)

Il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina è stata ospite dell’incontro “Futuri.

Secondo Lucia Azzolina il comportamento di Vincenzo De Luca è un accanimento inopportuno “contro le scuole: è stato l’ultimo a riaprirle e il primo a richiuderle”.

Per Azzolina tali banchi “servono a lavorare in gruppo e a fare didattica innovativa e diversa rispetto a quella frontale per cui gli studenti si annoiano a morte”. (Scuolainforma)

Su altre fonti

Si arriva anche a 12 ore di attesa, qualcuno butta la battuta in verace dialetto: “Si avimm scansato ‘o covid fino a mo’ ce l’acchiappam ‘cca”. Chiamo le varie strutture pubbliche e private (quelle poche alle quali Vincenzo De Luca ha concesso l’abilitazione a “tamponare”): impossibile prendere appuntamento. (Il Fatto Quotidiano)

Pronti all’impresa” nella sede di Confindustria a Roma. Servono a lavorare in gruppo e a fare didattica innovativa e diversa rispetto a quella frontale per cui gli studenti sia annoiano a morte. (Il Messaggero)

“Se non vogliamo sacrificare la scuola – ha detto ancora Azzolina – si può lavorare per lo smart working ancora di più. Emergenza Coronavirus: “La scuola deve restare aperta”, le voci contro le chiusure. (UniversoMamma)

Covid in Campania: dalla scuola ai trasporti e alla sanità, ecco cosa non ha funzionato

“Sì alla didattica a distanza per i ragazzi. “Quest’estate ho fortemente voluto che si inserisse la didattica digitale integrata nelle linee guida per la ripartenza, quando tutti la demonizzavano. (L'HuffPost)

Le code e le resse alle fermate, ma non solo di studenti, De Luca non ne vuole più vedere. Il potenziamento preventivato dal piano ministeriale è stato solo parzialmente avviato mentre mancano ancora igienisti, epidemiologi e tecnici della prevenzione. (Il Mattino)

Tutte queste ipotesi vengono rigettate dall’Azzolina: “Le scuole hanno già sofferto abbastanza l’anno scorso, non eravamo pronti, ma ora la situazione è diversa. – si chiede l’Azzolina – In giro per le strade, nei negozi, nei centri commerciali, ho visto le foto. (Yahoo Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr