Visita Tavares, Federico: "Servono chiarezza e piano investimenti Stellantis"

Primonumero ECONOMIA

Ed è proprio quello che stiamo facendo da quando siamo alla guida del Paese”

Ma da parte di Stellantis, e parallelamente da parte del Governo, attendiamo parole più chiare sulle prospettive della Gigafactory che a luglio scorso lo stesso Tavares ha dichiarato di voler realizzare a Termoli”.

“La visita allo stabilimento di Termoli dell’amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, è un segnale importante per il polo produttivo molisano e per la funzione centrale che deve assumere nella riconversione dell’industria automobilistica italiana. (Primonumero)

Su altri media

Stellantis compie un anno. Il debutto in Borsa del nuovo gruppo nato dalla fusione di FCA e PSA risale esattamente a 365 giorni fa. (Calcio e Finanza)

C’erano modi più economici e veloci di ridurre le emissioni, vedremo tra qualche anno quali produttori saranno sopravvissuti e quali no». Nuove piattaforme e software. Tornando invece al primo anno di vita, Stellantis ha già annunciato due piani per le nuove piattaforme unitarie STLA che riguardano architetture dell'autotelaio, powertrain, software e elettronica. (Il Sole 24 ORE)

Così Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm, e Francesco Guida, segretario della Uilm di Termoli, commentano l’arrivo dell’amministratore delegato di Stellantis nella fabbrica molisana”. Sotto la lente la questione legata alla fattibile possibilità di creare a Termoli la terza Gigafactory dopo quelle di Germania e Francia. (Il Quotidiano del Molse)

“Oggi l’amministratore delegato del gruppo Stellantis Tavares ha visitato lo stabilimento di Termoli e ha incontrato le rappresentanze sindacali. La Fiom Cgil ha commentato la visita odierna di Carlos Tavares alla Fiat di Termoli, sottolineando l’incertezza che permane sul futuro della fabbrica molisana e al tempo stesso la mancanza di chiarezza da parte del Governo. (Primonumero)

Loading. Uilm: Gigafactory fondamentale. «È importantissimo che Stellantis e Governo arrivino presto a siglare l'accordo per la costruzione dello stabilimento di batterie a Termoli. La Gigafactory non rappresenta solo un’occasione di riconversione della fabbrica, ma un anello fondamentale per l'intera catena del valore italiana», aggiungono i sindacalisti. (Il Sole 24 ORE)

Segue la famiglia francese Peugeot con il 7,2 per cento Una notizia davanti alla quale sorridono, come è logico, i suoi principali azionisti (la famiglia italiana Agnelli e quella francese Peugeot, lo Stato francese e i cinesi di Dongfeng. (ClubAlfa.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr