La Stampa: “Toro, il Parma vale un pezzo di A. «Non abbiamo incubi, ma sogni»”

La Stampa: “Toro, il Parma vale un pezzo di A. «Non abbiamo incubi, ma sogni»”
Torino Granata SPORT

«Non abbiamo incubi, ma sogni»”.

Il tecnico granata Nicola: “Ormai sappiamo giocare senza paura e con un’identità e il quotidiano La Stampa nelle pagine dedicate allo sport titola: “Toro, il Parma vale un pezzo di A.

Ieri la carica dei tifosi al Filadelfia: squadra incitata per non fallire la sfida più delicata.

pesano le assenze per squalifica di Mandragora e Verdi.

Il tecnico granata Nicola non perde occasione per sottolineare come «la squadra, adesso, sappia giocare senza paura e, soprattutto, con una sua ben precisa identità. (Torino Granata)

Ne parlano anche altre testate

Il mercato del Toro dipende anche dalle decisioni degli altri e un'operazione del Napoli potrebbe far sparire. TorinoGranata ha intervistato per la commemorazione del 4 maggio Sabrina Gonzatto, che ha sempre delle novità in serbo (Torino Granata)

Insomma dettagli che potrebbero decidere il destino, con la coscienza di avere un solo risultato al servizio L’alternativa è l’impiego di Baselli dall’inizio della gara con Zaza pronto a subentrare dalla panchina. (Napoli Calcio Notizie)

Il mercato del Toro dipende anche dalle decisioni degli altri e un'operazione del Napoli potrebbe far sparire. TorinoGranata ha intervistato per la commemorazione del 4 maggio Sabrina Gonzatto, che ha sempre delle novità in serbo (Torino Granata)

Doping, Vezzali: Nado Italia sia ancora più indipendente

Mancano solo i due centrocampisti nell’elenco dei 22 giocatori diramato dal tecnico Nicola per la sfida di questa sera allo stadio Olimpico. (Forza Parma)

Doping, pesante squalifica per Matteo Spreafico. Il corridore Matteo Spreafico ai tempi della positività in forze al team Vini Zabù, era stato sospeso nell’immediato dall’UCI. Doping, pesante squalifica per un ex corridore del team Vini Zabù. (SuperNews)

Nel rispetto dei principi sanciti dal Codice mondiale antidoping, dobbiamo stimolare sempre di più questa battaglia, che è anzitutto culturale e che deve, inevitabilmente, partire dalla scuola. E a tal fine, per dare sempre maggiore forza all’azione, credo che l’Autorità Antidoping italiana, la NADO Italia, debba essere ancora più autonoma così che il sistema anti doping sia indipendente rispetto alle organizzazioni sportive e agli interessi nazionali”. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr