Vaccini: l'Europa sceglie la linea dura di Draghi

ISPI ECONOMIA

Il regolamento europeo, in virtù del quale il governo di Roma ha bloccato l’export dei vaccini AstraZeneca, era stato approvato dopo i tagli nelle forniture annunciati dal colosso farmaceutico.

L'Italia ha bloccato una spedizione di 250mila dosi di vaccino AstraZeneca destinate all'Australia.

Da qui la decisione europea di permettere blocchi verso paesi che non sono in situazioni gravi (come l’Australia) su cui poggia la decisione italiana di ieri

Bruxelles si era scontrata con l'azienda anglo-svedese, sospettata di aver dirottato al Regno Unito dosi destinate ai paesi europei. (ISPI)

La notizia riportata su altri giornali

Quello "che posso dire è che noi siamo totalmente focalizzati nel rispettare i nostri impegni con l'Ue nell'arrivare nel minor tempo possibile a consegnare tutte le dosi possibile", ha concluso. Fornito da AGI. (Notizie - MSN Italia)

Finora, aggiunge la portavoce per il Commercio Miriam Garcìa Ferrer, sono state autorizzate dall'Ue 174 esportazioni di vaccini, verso una trentina di Paesi La decisione di vietare l'esportazione di 250mila dosi di vaccino anti-Covid prodotte da AstraZeneca e destinate all'Australia, presa dalla Commissione Europea su proposta dell'Italia, è infatti "un messaggio alla società" in questione, cioè AstraZeneca. (Adnkronos)

Ma tanti sono stati gli effetti collaterali che si sono manifestati nelle persone che sono state sottoposte a tale vaccino: febbre alta, dolori muscolari, senso di stanchezza generale, forti emicranie e brividi sparsi. (Napoli.zon)

Ma i problemi dell’Europa non derivano solo da problemi di approvvigionamento: Molti paesi europei hanno avuto enormi problemi ad utilizzare rapidamente le dosi che hanno già ricevuto. I leader europei hanno notato che gli Stati Uniti e la Gran Bretagna si tengono stretti i vaccini prodotti in quei paesi. (Startmag Web magazine)

In totale, ha ordinato fino a 400 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca e ha siglato accordi con altre aziende per più di 2 miliardi di dosi. Eric Mamer, portavoce della Commissione europea. (Euronews Italiano)

Le regole comunitarie – La decisione dell’Italia in ogni caso fa da apripista a possibili nuovi stop da parte dei Paesi Ue E dalla Ue fanno sapere che il blocco è un messaggio alla società farmaceutica, affinché “rispetti i contratti”. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr