Che gioia tornare al ristorante. Per il menu e la compagnia

Che gioia tornare al ristorante. Per il menu e la compagnia
LA NAZIONE INTERNO

Succede, in questi tempi così sospesi tra gioia e ansia, ripartenze e frenate di strana suggestione o sensazione di pericolo.

Occasione da cogliere al volo, anche per la voglia di cambiarsi, togliersi da dosso le solite tute, uscire, vedere mondo.

Socializzare, la parola è brutta, cacofonica (e peggio che mai però il “distanziamento sociale”…), quasi scostante: ma il concetto è bello, lineare, solare. (LA NAZIONE)

La notizia riportata su altri giornali

Per quanto riguarda cerimonie, matrimoni e banchetti, sono ammesse solo le celebrazioni religiose, ma restano vietati feste e banchetti così come restano chiuse «sale da ballo, discoteche e locali assimilati». (CalcioNapoli24)

È lo slogan che scandisce la campagna lanciata in concomitanza con il Primo Maggio, festa internazionale del lavoro. Siamo gli unici, che sia all’interno o all’esterno, possiamo garantire un consumo in piena sicurezza. (la VOCE del TRENTINO)

Per due anni fece a meno, necessariamente della luce, poi con la costruzione di alcune case popolari arrivò anche l’energia elettrica. Negli anni ’70 nacque il Poeta Club e con i gestori Rosario Pazzaglia e la moglie Filomena a organizzare memorabili serate di liscio e a ospitare cantanti famosi come Marcella Bella (il Resto del Carlino)

“Illegale la chiusura dei ristoranti”

Proprio così, in barba all’impellenza del paglierino fluido, chi proprio non riesce a trattenerlo, meglio si diriga verso una siepe. Gli unici punti più chiari, ahinoi, riguardano la zona arancione e rossa dove ristoranti, bar, pizzerie e trattorie sono aperti per asporto e delivery. (greenMe.it)

Tra le attrezzature di spiaggia (lettini, sedie a sdraio), quando non posizionate nel posto ombrellone, deve essere garantita una distanza di almeno 1 m. Ecco chi può cambiare colore domani. Distanze ridotte, ecco quando. (ilmessaggero.it)

Secondo il Tribunale, il governo avrebbe dovuto consultare prima il Consigli di Stato. Lo riporta la stampa locale. (Ticinonews.ch)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr