La catena di abbigliamento e bigiotteria Accessorize chiude i negozi in Italia: a rischio 72 addetti, per la…

Il Fatto Quotidiano ECONOMIA

La notizia arriva dal sindacato Fisascat Cisl che ha potuto vedere l’istanza presentata al Tribunale Fallimentare di Milano da Melite Italia, la società che gestisce i punti vendita nazionali.

Ventidue commessi rischiano il posto nella sola Milano, che nel 2019 contava su 9 punti vendita tra città e hinterland.

E licenzia 72 persone, in gran parte donne, impiegate nei punti vendita del marchio inglese. (Il Fatto Quotidiano)

Su altri media

La notizia arriva dal sindacato Fisascat Cisl che ha potuto vedere l’istanza presentata al Tribunale Fallimentare di Milano da Melite Italia, la società che gestisce i punti vendita nazionali. Dei 72 dipendenti, 22 si trovano a Milano che nel 2019 contava ben nove punti vendita tra città e provincia. (Today.it)

Ventidue commessi rischiano il posto nella sola Milano, che nel 2019 contava su 9 punti vendita tra città e hinterland. E licenzia 72 persone, in gran parte donne, impiegate nei punti vendita del marchio inglese. (Zazoom Blog)

22 commessi rischiano il posto nella sola Milano, che nel 2019 contava su 9 punti vendita tra città e hinterland. "Il piano di concordato preventivo presentato al Tribunale – ha detto Massimiliano Genova – prevede la chiusura di tutti i negozi in Italia e il licenziamento di 72 persone (MilanoToday.it)

La catena di abbigliamento e bigiotteria Accessorize chiude i negozi in Italia | a rischio 72 addetti | per la maggior parte donne

La società gestisce i 25 punti vendita nazionali del marchio inglese Accessorize, che ha la sede centrale a Londra. Prima della pandemia di Covid, nella città metropolitana si contavano 9 negozi a marchio Accessorize con 41 dipendenti, ridotti agli attuali 4, che al momento sono chiusi. (QuiFinanza)

Milano - Gli scaffali vuoti dietro le vetrine del negozio chiuso in stazione Centrale sono il simbolo di una crisi che rischia di mandare in fumo 72 posti di lavoro in Italia, 22 solo a Milano. "Il piano prevede la chiusura di tutti i negozi in Italia – spiega Massimiliano Genova, operatore della Fisascat-Cisl Milano – e il licenziamento di 72 persone. (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr