BTP Italia: tasso definitivo fissato all’1,4%

BTP Italia: tasso definitivo fissato all’1,4%
Finanzaonline.com Finanzaonline.com (Economia)

Nei primi tre giorni di collocamento dedicato ai retail gli ordini sono stati pari a quasi 14 miliardi di euro (13,966 mld) con un totale di quasi 400 mila investitori che hanno sottoscritto questa nuova emissione.

La notizia riportata su altre testate

L'ammontare sottoscritto dal retail del titolo indicizzato all'inflazione che garantisce un rendimento dell'1,4% arriva così a 13,996 miliardi a ridosso della soglia dei 14 miliardi. Il Btp Italia anti-Covid chiude il round con i piccoli risparmiatori con la domanda più alta di sempre. (Il Messaggero)

A fine seduta, la domanda ha superato i 14 miliardi di euro dopo i quasi 9 raccolti nei primi due giorni. L’indicazione è quindi di un possibile calo dello spread con orizzonte 3-6 mesi in area 160-165 punti base dall’attuale quota 210. (La Stampa)

Oggi sono stati gia' raccolti ordini per oltre 1,8 miliardi, con circa 53mila contratti, che sommati agli 8,7 miliardi raggiunti ieri porta il totale degli ordini sopra i 10,55 miliardi, con circa 300mila contratti complessivi. (Il Sole 24 ORE)

Il precedente Btp Italia, con scadenza a 8 anni, lanciato a ottobre scorso, aveva raccolto in tutto 6,75 miliardi, di cui 2,99 dal retail. Il Btp Italia ha chiuso la fase retail del collocamento con richieste per 14 miliardi di euro. (AGI - Agenzia Italia)

Nel terzo giorno di collocamento il Btp Italia anti-Covid continua ad attirare l’interesse dei piccoli risparmiatori, attratti dalla cedola minima dell’1,4%, dal «premio-fedeltà» dell’8 per mille per chi terrà il titolo fino a scadenza, dall’assenza di commissioni bancarie e dalla tassazione agevolata al 12,5%. (Corriere della Sera)

Per carità, non c’è nulla di eroico nel sottoscrivere un titolo con un buon rendimento, ma vuol dire dare credito in senso letterale e in senso figurato. Il successo era quindi prevedibile, visto che offrono un rendimento leggermente migliore rispetto a quelli comparabili, ma non prospettano certo guadagni mirabolanti. (L'Eco di Bergamo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti