Draghi (per ora) non mette le mani sulla Rai

Draghi (per ora) non mette le mani sulla Rai
L'HuffPost INTERNO

Mario Draghi, fanno sapere fonti degne di questo nome, non ha intenzione di accelerare sul ricambio dei vertici Rai.

Per “cacciare i partiti dalla Rai”, o quantomeno per limitarne strapotere e arbitrio, l’unico sistema è cambiare la governance.

Il ruolo dell’azionista, il Mise, risulterebbe limitato, mentre resta invariato il ruolo di indirizzo e di vigilanza della Commissione parlamentare

Basterebbe calendarizzare uno dei tanti disegni di riforma già depositati in Parlamento e discuterlo. (L'HuffPost)

La notizia riportata su altri media

E chiede ai partiti di «dimostrare non a parole, ma con scelte e atti concreti», di voler rinunciare all'ennesima lottizzazione. Ma come dice un altro ministro dem, «di tempo ce n'è poco e tutti parlano di chi mettere in Rai, non di come cambiare la governance della Rai. (Il Messaggero)

Un recente sondaggio dell’Istituto Piepoli mostra come, da febbraio a oggi, premino solo la coerenza e le scelte nette. “Non si può scrivere un romanzo politico senza un indice e senza partire dalla conclusione. (L'HuffPost)

L’Italia merita riaperture al chiuso e all’aperto, di giorno e di notte”. Il coprifuoco, con questo meteo, è un danno alla salute. (Tuscia Web)

Letta vede Draghi e si lamenta del "metodo Salvini"

Anche sul nuovo Rai-gate sembra esserci la convergenza Pd-M5s: no alla censura e accelerare sul ddl Zan trova concordi Enrico Letta e Giuseppe Conte, Pd e M5s. L’asse Pd-M5s si ritrova anche sulla riforma della governance Rai, una nuova riforma dopo quella firmata dal governo Renzi. (Tiscali Notizie)

Sono ottimista sul fatto che i contrasti possano essere superati piuttosto bene da Draghi. Il tema dove Draghi incontrerà più difficoltà è dunque quello relativo alla governance del Pnrr. (Il Sussidiario.net)

Il segretario del Pd Enrico Letta ha espresso, a quanto si apprende da fonti del Nazareno, nell’incontro con il premier Mario Draghi “insoddisfazione verso il metodo Salvini”. “Sui giovani - ha dichiarato Letta - il Pd chiede un impegno in 3 direzioni: la casa, l’occupazione, e il sostegno psicologico ai ragazzi per i danni causati dal lockdown e dalla dad”. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr