Alitalia, centinaia di lavoratori in corteo a Fiumicino

Alitalia, centinaia di lavoratori in corteo a Fiumicino
Newsby ECONOMIA

Alitalia, protesta lavoratori in Regione Lombardia: “Calpestati nostri diritti”. I lavoratori di Alitalia hanno protestato anche a Milano, sotto al Pirellone.

“Il comparto aereo, così come quello del turismo in generale, è uno dei più colpiti dalle misure contro il coronavirus” spiega Luca Pistoia del sindacato Usb lavoro privato

Dopo l’assemblea indetta dai sindacati Usb e Cub e dalle sigle piloti Air Crew Commiteee davanti al Terminal 3, centinaia di lavoratori di Alitalia sono partiti in corteo bloccando un tratto della Roma-Fiumicino nei pressi dell’aeroporto. (Newsby)

La notizia riportata su altri giornali

Il Parlamento ha chiesto di riaprire le indagini per dare finalmente giustizia alle vittime di quel tragico evento che ha coinvolto 140 persone provenienti da tutta Italia. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Servono umiltà e competenze alla politica, chiamata ad assumersi la responsabilità della chiusura di Alitalia, dopo 74 anni di tricolore sulla coda degli aerei, azienda che ha rappresentato l’Italia nel mondo nonché le sue eccellenze e professionalità nel campo aeronautico. (AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency)

Leggi su ilfattoquotidiano (Di martedì 6 aprile 2021) Circa trecentodi, tra operai, impiegati e hostess, hanno sfilato in corteo in strada,al Terminal 3 dell’aeroporto di. Qui, davanti a una palazzina della compagnia, hanno preso la parola alcuni sindacalisti della Cub Trasporti e Usb. (Zazoom Blog)

Alitalia, centinaia di lavoratori in piazza a Fiumicino, sit-in a Milano, nuova mobilitazione giovedì 8 aprile

La vecchia compagnia ha i giorni contati per le casse ormai vuote e la newco dovrebbe invece cercare di sfruttare i prossimi mesi estivi per tornare a viaggiare. Dell’ex Alitalia non si vorrebbe rinunciare al marchio, il programma fedeltà e Mille Miglia e sopratutto gli slot di Linate. (PrimaPress)

Piersanti Mattarella, ex presidente della Regione Sicilia e fratello dell’attuale presidente delle Repubblica Sergio Mattarella, assassinato dalla mafia in un attentato avvenuto a Palermo nel gennaio del 1980 Lo stabilisce una delibera delle Giunta di Milano (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Questo Governo si deve assumere le proprie responsabilità: deve interrompere questa folle trattativa con la UE e intraprendere una strada nuova che parta dalla tutela dell’occupazione e di un asset strategico per l’Italia intera. (AGR online)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr