Sciopero Mps, Colombani: assenza d'informazione su futuro banca aumenta incertezza e tensione. Governo chiarisca

FIRST CISL ECONOMIA

Riccardo Colombani si sofferma sulla particolarità della vicenda: «Le lavoratrici e i lavoratori apprendono le notizie (sulla ventilata fusione di Unicredit e Mps, ndr) attraverso la stampa o leggendo i comunicati.

Un’operazione dai contorni incerti che vede i sindacati non coinvolti dal governo, socio di maggioranza di Mps.

Il giornalista di Retesole, Alessandro Basile, firma il servizio televisivo dando la parola al segretario di First Cisl, Riccardo Colombani. (FIRST CISL)

Ne parlano anche altri giornali

Sconcerta il fatto - sottolinea e conclude il candidato del centrodestra - che prima si distrugge ignobilmente una storica banca, poi si avalla la possibilità che venga venduta ad Unicredit e quindi non si ha il coraggio di solidarizzare personalmente con chi, purtroppo, potrebbe perdere il proprio posto di lavoro. (SienaFree.it)

Non sappiamo per quale azienda lavoreremo, se la nostra professionalità sarà salvaguardata, se lavoreremo nella stessa città, quale mansione saremo chiamati a svolgere. La responsabilità non è nostra ma siamo noi, lavoratrici e lavoratori del Gruppo Monte dei Paschi di Siena, a rischiare di pagarne il conto (FIRST CISL)

Lettera aperta dei sindacati. SIENA — Sono in gioco migliaia di posti di lavoro e con dell'ipotesi di acquisizione della banca da parte di Unicredit i dipendenti di Mps hanno proclamano per oggi uno sciopero di 24 ore, in ballo ci sono circa 5mila esuberi su un totale di 21 mila dipendenti. (Toscana Media News)

E la richiesta, lanciata dai sindacati a fine aprile, di essere coinvolti nel dibattito sul futuro del Monte dei Paschi, sarebbe stata accolta. Quando si grida in piazza, ci si convince che a Roma qualcuno raccolga l’appello. (LA NAZIONE)

Venerdì 24 settembre, nonostante alla vigilia una lettera avesse annunciato la voglia di rivalsa dei lavoratori, i presenti toccavano appena le 200 unità. Così l'attenzione si è spostata dai dipendenti della banca al palco in piazza Salimbeni. (Corriere di Siena)

E lo faranno anche i lavoratori, tra scivoli e prepensionamenti, pur pagando un prezzo salato in termini numerici. E neanche in numeri importanti, come la loro lettera di giovedì avrebbe lasciato presupporre. (Corriere Fiorentino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr