Vaccini, un caso le rinunce ad AstraZeneca. Record di no in Sicilia e Sardegna

Vaccini, un caso le rinunce ad AstraZeneca. Record di no in Sicilia e Sardegna
Per saperne di più:
Corriere della Sera INTERNO

La Sicilia avrebbe il record di rinunce, complice anche la morte di un’insegnante di 55 anni a Messina.

Nella prima versione del piano Speranza, era previsto l’arrivo di 28,3 milioni di dosi e ne è arrivata meno della metà

Per gli altri, si aspettano in questo trimestre 52 milioni di dosi e 84 nel terzo trimestre.

E bisognerà vedere se Curevac, di cui si attendono 7 milioni di dosi in questo trimestre, otterrà l’autorizzazione dell’Ema. (Corriere della Sera)

Ne parlano anche altre testate

Quindi di fatto 1,5 su un milione tra i 20 – 29 anni rischia di morire per una trombosi da vaccino. Quindi il rischio di non farcela alla malattia risulta 22 volte superiore a quella di non superare la somministrazione del vaccino. (BrindisiReport)

Restano confermati, da inizio maggio, 84 giorni dalla prima dose, i richiami di chi era stato vaccinato a febbraio, anche sotto i 60 anni Anche la Toscana sospende ufficialmente le vaccinazioni di AstraZeneca per tutti gli under 60. (Corriere Fiorentino)

Al momento nell'isola si sta terminando la vaccinazione dei 50enni e presto inizierà la fascia dei 40enni. In totale si stima che ci siano stati 10.400 decessi in meno di quanto ci si sarebbe aspettati senza vaccinazione. (EuropaToday)

Il caso della seconda dose del vaccino AstraZeneca agli under 60

Per gli estremamente vulnerabili sono state somministrate 12.703 prime dosi, con 1.104 seconde dosi. Solo 2 i vaccini di AstraZeneca somministrati oggi al PalaUnimol di Campobasso, mentre sono proseguite le immunizzazioni con gli altri sieri disponibili. (isnews)

Un nuovo “alert di sicurezza” per il vaccino anti-Covid di AstraZeneca che -dopo i rari casi di trombosi successivi alla somministrazione- torna sotto la lente del Comitato di farmacovigilanza Prac dell’Agenzia europea del farmaco Ema (Cosenza Channel)

Il caso AstraZeneca sta costringendo molti Stati a rimodulare la campagna vaccinale, destinando le dosi del siero anglo-svedese agli over 60. Alcuni Paesi hanno addirittura 'sdoganato' la vaccinazione con due dosi di sieri differenti, soluzione che da un punto di vista operativo accelererebbe molto l'attività di immunizzazione della popolazione. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr