Eni-Nigeria, i giudici: "Pm nascosero video a favore degli imputati

Eni-Nigeria, i giudici: Pm nascosero video a favore degli imputati
L'HuffPost ECONOMIA

Un passaggio poi su Piero Amara, l’ex consulente Eni arrestato ieri a Potenza in un’inchiesta che riguarda l’ex Ilva in amministrazione straordinaria.

Gli stessi giudici non condividono nemmeno l’impostazione dei pm milanesi che hanno visto nella successiva ritrattazione di Armanna un “elemento a carico di Descalzi, il quale”, secondo questa tesi dei pm, “avrebbe tentato di condizionare le dichiarazioni accusatorie di Armanna tramite Piero Amara e Claudio Granata”, capo del personale Eni. (L'HuffPost)

Ne parlano anche altre testate

– Il procuratore aggiunto di Milano Fabio De Pasquale e il pm Sergio Spadaro sono indagati dalla Procura di Brescia con l’ipotesi di rifiuto d’atti d’ufficio in relazione al processo Eni / Shell-Nigeria di cui ieri il Tribunale ha depositato le motivazioni dell’assoluzione di tutti gli imputati. (Imola Oggi)

Ipotesi di rifiuto d’atti d’ufficio in relazione alla gestione del materiale probatorio. Il procuratore aggiunto di Milano Fabio De Pasquale e il pm Sergio Spadaro sono indagati dalla Procura di Brescia con l’ipotesi di rifiuto d’atti d’ufficio in relazione al processo Eni/Shell-Nigeria di cui ieri il Tribunale ha depositato le motivazioni dell’assoluzione di tutti gli imputati. (L'agone)

I due magistrati non hanno commentato. All'origine dell'indagine, avviata due settimane fa, c'è la gestione da parte dei due magistrati di alcune informazioni sull'ex manager Eni Vincenzo Armanna a loro arrivate da una indagine parallela condotta da altri colleghi, spiegano due fonti. (Yahoo Finanza)

Eni: Nigeria; Procura Brescia perquisisce computer pm Milano MILANO

Il procuratore aggiunto di Milano Fabio De Pasquale e il pm Sergio Spadaro sono indagati dalla Procura di Brescia con l’ipotesi di rifiuto d’atti d’ufficio in relazione al processo Eni/Shell-Nigeria di cui il Tribunale ha depositato mercoledì 9 giugno le motivazioni dell’assoluzione di tutti gli imputati. (quoted business)

Tale decisione processuale, se portata a compimento, afferma ancora il Tribunale «avrebbe avuto quale effetto la sottrazione alla conoscenza delle difese e del Tribunale di un dato processuale di estrema rilevanza». (Il Sussidiario.net)

Il decreto riguarda in particolare il materiale raccolto dal pm sempre di Milano Paolo Storari e che avrebbe dimostrato la falsità delle prove portate dall'ex manager di Eni Vincenzo Armanna. La Procura di Brescia, nell'ambito dell'indagine in cui sono indagati il procuratore aggiunto di Milano Fabio De Pasquale e il pm Sergio Spadaro, lunedì scorso ha disposto una perquisizione informatica per sequestrare le mail che i due magistrati si sono scambiati. (RagusaNews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr