Cina, si aggrava la crisi energetica. Blackout e fabbriche chiuse

La Sentinella del Canavese ECONOMIA

Case senza elettricità, fabbriche costrette a fermare la produzione e negozi a lume di candela.

I blackout hanno colpito anche il funzionamento degli ascensori nei grattacieli più alti, dei semafori e anche dell'illuminazione stradale.

Goldman Sachs ha tagliato al 7,8% le stime di crescita della Cina per il 2021 (dall'8,2%) e le ha portate al 5,5% per il 2022.

La Cina potrebbe adottare presto misure per cercare di raffreddare i prezzi del carbone saliti alle stelle e alleviare così la carenza di energia

Succede nel Nord-Est della Cina, dove da settimane è aumentata la carenza di elettricità. (La Sentinella del Canavese)

Ne parlano anche altri media

Anche la Banca centrale ha declassato la sua valutazione rispetto alle prospettive di crescita della Cina prestando maggiore attenzione a mantenere la crescita stabile nell’espansione del credito e la sua efficacia nel sostenere l’economia reale. (Il Sole 24 ORE)

Luce e gas aumentano del 40% in Italia e nel resto del pianeta le cose non sono diverse. Queste dinamiche di prezzo vogliono dire aumenti continui e robusti alle pompe di benzina (iLoveTrading)

I trader valutano sempre più la prospettiva che la Fed riduca presto i suoi 120 miliardi di dollari di acquisti mensili di attività Mercati oggi: azioni asiatiche scambiano contrastanti, mentre gli investitori restano preoccupati per la crisi del debito irrisolta di Evergrande Group e osservano il potenziale impatto di una crescente carenza di energia elettrica in Cina (Money.it)

(Aggiornato alle 08.51) La Cina è nella morsa della carenza energetica, soprattutto nel nordest, che minaccia la crescita e la catena di rifornimento, già in difficoltà. Secondo Bloomberg Intelligence, almeno 17 province e regioni, pari al 66% del Pil, hanno annunciato forme di interruzione di energia, soprattutto nell’industria pesante. (Corriere del Ticino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr