Cosa fare se ti dicono che il Pos è rotto

Cosa fare se ti dicono che il Pos è rotto
Donna Moderna ECONOMIA

Se il Pos è rotto l'esercente deve ripararlo. In caso di “guasto”, l’esercente deve poi provvedere a riparare l’apparecchio il prima possibile

Di frequente però, soprattutto nei piccoli centri, capita che il Pos sia fuori servizio.

Se ci sono lavori in corso, niente multa. «Bisogna naturalmente fare dei distinguo» spiega Carlo Piarulli di Adiconsum.

Tradotto: se manca la linea, o se il Pos è rotto, non si può pretendere nulla. (Donna Moderna)

Su altri media

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Roma iscriviti gratis alla newsletter "I sette colli di Roma" a cura di Giuseppe Di Piazza Mentre il numero dei clienti che usa i pagamenti in contanti per i piccoli importi è al 70,5%, così come nel 61,6% negli acquisti fino a 30 euro. (Corriere Roma)

C’è però da segnalare che fino al 31 dicembre 2022 è stato aumentato dal 30% al 100% il credito d’imposta sulle commissioni. Le multe partono da 30 euro più il 4 per cento della transazione negata. (Open)

Bergamo, pagamenti con il Pos, i commercianti: «Tetto di 10 euro»

«Non abbiamo notizia di sanzioni per il mancato utilizzo dei Pos in città e provincia — conferma infatti il vicedirettore di Confesercenti Bergamo, Cesare Rossi —. Nessuno, a quanto risulta finora, si sarebbe beccato la sanzione di 30 euro a cui va aggiunto il 4% del valore della transazione negata al cliente. (Corriere Bergamo - Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr