Operatori sanitari no vax: 67 sospesi a Bologna

Operatori sanitari no vax: 67 sospesi a Bologna
il Resto del Carlino INTERNO

Bologna, 9 settembre 2021 - Sono ad oggi 67 gli operatori sanitari, del settore pubblico e privato, che a Bologna sono stati sospesi perchè non vaccinati.

Ma nel complesso sono oltre 1.600 gli operatori sanitari che ancora non si sono vaccinati, su una platea di circa 40.000 lavoratori.

A fare il punto della situazione è Paolo Pandolfi, direttore del Dipartimento di sanità pubblica dell'Ausl di Bologna, parlando alla 'Dire'. (il Resto del Carlino)

La notizia riportata su altri media

A Bologna fuori 67 (anche medici) di Eleonora Capelli. Partono i provvedimenti per il personale sanitario, sono 1600 gli operatori ancora non vaccinati solo nel capoluogo (La Repubblica)

E se oggi siamo oltre l’80% di vaccinati, a Bologna, lo dobbiamo anche a loro". Bologna, 10 settembre 2021 - Festa per i cuori d’oro del territorio in prima linea contro il Covid. (il Resto del Carlino)

Il consiglio è chiamato a ratificare la delibera d’urgenza fatta dallo stesso Guerra, che prevede la sospensione senza stipendio fino al 31 dicembre per “tutela della salute pubblica”. Come presidente dell’Ordine faccio una presa d’atto presidenziale d’urgenza e il soggetto è a casa senza stipendio (LaGuida.it)

Sanitari no vax, ora fioccano le sospensioni: i dati e le reazioni

Ad oggi hanno ricevuto l'avviso di accertamento 95 persone: 61 sono dipendenti Ausl, 27 del Policlinico Sant'Orsola e 7 del settore privato. "Spero che la maggioranza di queste persone si ravveda - commenta Pandolfi - perchè fa male all'immagine della sanità pubblica e perchè fa male sapere che ci sono colleghi che non accettano regole stabilite non per fare male a qualcuno, ma per fare del bene agli altri (BolognaToday)

Funziona così" di Gabriella de Matteis. Franco Polemio si occupa di sicurezza dei lavoratori e deve affontare le paure (e i pregiudizi) di chi non si è sottoposto alla somministrazione dell'antidoto contro il Covid. (La Repubblica)

A tracciare con puntualità il quadro dei sanitari sospesi a Bologna (Imola esclusa) è il direttore del dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl Paolo Pandolfi. Tra loro due medici di base (Virgilio Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr