Oltre 160 chili di cocaina in auto: due arresti per spaccio a Nepi

Corriere Roma INTERNO

Sono accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Roma iscriviti gratis alla newsletter "I sette colli di Roma" a cura di Giuseppe Di Piazza

di Redazione Roma. L’auto in cattive condizioni e con il portabagagli basso per il peso ha insospettito gli agenti.

Le forze dell’ordine sono intervenute scoprendo all’interno dell’autovettura 117 chili di cocaina suddivisa in panetti da un chilo, mentre altri 50 panetti di cocaina sono stati trovati all’interno del ristorante. (Corriere Roma)

La notizia riportata su altri media

Due uomini, un rumeno di 45 anni e un italiano di 65, sono stati arrestati dalla Polizia di Stato e dalla Guardia di Finanza perché sorpresi con 167 chilogrammi di cocaina, nascosti nell'auto. Le forze dell'ordine sono intervenuti mentre l'operazione era ancora in corso. (La Stampa)

Paolo Di Basilio 22 maggio 2022 a. a. a. Maxi sequestro di cocaina all’interno di un ristorante abbandonato che sta lungo la Cassia nel territorio di Nepi. Il 10 maggio, dunque, è stata intercettata lungo la Cassia, in direzione di Nepi un’auto di piccola cilindrata che procedeva ad andatura lenta. (Corriere di Viterbo)

Trasportavano ben 167 chili di cocaina. Droga tutta divisa in panetti che avrebbe dovuto invadere parte della provincia di Roma, quella che affaccia sul lago di Bracciano e che arriva fino al comune di Viterbo. (RomaToday)

Nepi – Polizia – Sequestrati 167 chili di cocaina. E’ questo ciò che stavano facendo i due uomini che il 10 maggio sono stati arrestati perché trovati in possesso di questo ingente carico di droga. Nepi – Polizia – Sequestrati 167 chili di cocaina. (Tuscia Web)

L’arresto dei due è stato convalidato e la droga sequestrata Scattata la perquisizione, sono stati rinveniti e sequestrati all’interno dell’autovettura 117 kg. (Viterbo News 24)

Le modalità con cui avvenivano le operazioni di trasferimento del materiale nel locale ristorante hanno destato ulteriori sospetti in quanto avvenivano in modo repentino tanto da indurre gli investigatori ad intervenire cogliendoli sul fatto. (RomaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr