'Ndrangheta:beni per 20 mln confiscati a imprenditore

'Ndrangheta:beni per 20 mln confiscati a imprenditore
La Gazzetta del Mezzogiorno INTERNO

Sono stati confiscati anche 20 immobili e rapporti finanziari.

Tra i beni confiscati ci sono 8 aziende nei settori della grande distribuzione alimentare, del commercio automezzi, delle costruzioni ed immobiliare.

Il tribunale ha disposto nei confronti di Frascati la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per la durata di 3 anni e 6 mesi

eni mobili e immobili per oltre 20 milioni di euro sono stati confiscati all'imprenditore reggino Emilio Angelo Frascati ritenuto in rapporti di stretta vicinanza con la 'ndrangheta dalla Dda guidata dal procuratore Giovanni Bombardieri. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Ne parlano anche altri media

I beni erano stati sequestrati nel febbraio 2019. Il tribunale ha disposto nei confronti di Frascati la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per la durata di 3 anni e 6 mesi (wesud)

Calabria 'Ndrangheta: beni per 20 mln confiscati a imprenditore. La Direzione investigativa antimafia ha eseguito il provvedimento di confisca di beni emesso dal Tribunale di Reggio Calabria nei confronti dell'imprenditore sessantaquattrenne molto noto nel settore della grande distribuzione alimentare e del commercio di autovetture. (InfoOggi)

'Ndrangheta:beni per 20 mln confiscati a imprenditore (Di lunedì 3 maggio 2021) beni mobili e immobili per oltre 20 milioni di euro sono stati confiscati all'imprenditore reggino Emilio Angelo Frascati ritenuto in rapporti di stretta vicinanza con la 'Ndrangheta dalla Dda guidata . (Zazoom Blog)

'Ndrangheta: si costituisce Alessandro Cutrì, luogotenente della cosca De Maio-Brandimarte

La confisca riguarda il patrimonio sequestrato nel febbraio 2019 a seguito di una proposta formulata dal direttore della Dia nel contesto di un’indagine coordinata dal procuratore distrettuale della Repubblica di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri. (Calabria 7)

Il provvedimento del collegio giudicante afferma testualmente “si è dunque in presenza di una di quelle ipotesi comunemente definite di c.d. (VeritasNews24)

Braccio destro di Gaetano De Maio, figlio Pasquale De Mario detto “u rapinu”, Cutrì è ritenuto un «promotore, finanziatore e organizzatore dell’associazione». L’uomo, che era accompagnato dal suo avvocato, è già stato rinchiuso nel carcere di Palmi. (Quotidiano del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr