"Il Buco" di Frammartino girato in Calabria vince a Venezia

Il Buco di Frammartino girato in Calabria vince a Venezia
Corriere della Calabria CULTURA E SPETTACOLO

Grazie agli speleologi che si prendono cura del buio e di tutto ciò che non ha ancora forma e grazie alla Calabria, la regione più bella di Italia».

Con emozione e orgoglio voglio riprendere le parole pronunciate dal regista Michelangelo Frammartino nel ricevere il Premio speciale della Giuria per ‘Il buco’ alla 78esima Mostra del cinema di Venezia».

Ha dichiarato il direttore artistico della Calabria Film Commission Gianvito Casadonte

Il Buco di Michelangelo Frammartino vince il Premio speciale della giuria alla 78esima Mostra del Cinema di Venezia. (Corriere della Calabria)

Su altri giornali

Per il braccio destro di Giovanni Minoli alla Calabria Film Commission «il prestigioso premio a Frammartino è la dimostrazione di quanto la forza delle nostre radici e il bagaglio storico e culturale calabrese rappresentino un patrimonio capace di rilanciare l’immagine e la reputazione della regione» (Quotidiano del Sud)

Ed esattamente sono due, il primo premio è la pellicola d’oro a Luca Massa, operatore speleologo per le riprese del film che rievoca la straordinaria impresa del Gruppo Speleologico Piemontese torinese che, nel 1961, scoprì l’abisso del Bifurto una delle grotte più profonde del mondo. (La Riviera)

Intorno abbiamo molta luce, molte immagini luminose e seducenti; d’altronde si sa, questa luce è molto più accattivante. Il buio, al contrario, fa paura, il buio comporta una responsabilità nei confronti dello spettatore (Quotidiano del Sud)

Casadonte: «Frammartino ha esaltato la vera “calabresità”»

La pellicola girata in quei luoghi dl regista di origini calabresi, racconta l’impresa compiuta nel 1961 da un gruppo di speleologi calatisi a quasi 700 metri sottoterra dove venne scoperta l’allora seconda grotta più grande del mondo. (CatanzaroInforma)

Grazie San Lorenzo Bellizzi, Cerchiara, Rotonda, Terranova del Pollino da dove viene Nicola Lanza, il meraviglioso pastore del film, grazie Caulonia e grazie alla Calabria che è la regione più bella d’Italia». (ABMreport)

Lo afferma, in una nota, Gianvito Casadonte, direttore artistico della Calabria Film Commission. Una soddisfazione enorme per Caulonia, orgogliosa di annoverare un artista come Frammartino tra i suoi figli migliori. (Corriere della Calabria)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr