Che cosa cambia per il governo Draghi con la scissione di Di Maio

Che cosa cambia per il governo Draghi con la scissione di Di Maio
Altri dettagli:
Start Magazine INTERNO

Giuseppe Conte, uscito spiazzato dalla scissione, ha già annunciato che lui l’esecutivo non lo lascia.

Una catena di scissioni, che, come ha scritto il direttore del Giornale Augusto Minzolini, alla fine potrebbero al contrario indebolire il governo Draghi

La mossa di Di Maio, l’affollamento al centro, la posizione di Letta e le parole di Salvini.

Il punto è che se con la scissione di Di Maio è scattata davvero l’operazione “centro”, caldeggiata a tavolino dal mainstream, a scissione dovrebbe seguire scissione fino ad arrivare alla tanto vagheggiata maggioranza Ursula. (Start Magazine)

La notizia riportata su altri giornali

La verità è che l’ex premier che per lungo tempo ha coltivato il sogno di tornarci presto, è sotto scacco. Ma è chiaro che il Pd non potrebbe neppure sopportare un governo a trazione leghista. (Tiscali Notizie)

A Palazzo Chigi ieri gli uomini del premier hanno cercato di capire, parlando con i ministri grillini, Di Maio in testa, le possibili conseguenze delle divisioni grilline. di Maria Teresa Meli. La preoccupazione che il conflitto nel M5S si ripercuota sull’esecutivo. (Corriere della Sera)

Noi cerchiamo alleanze larghe, chi ci vorrà stare starà con noi sulla base dei programmi per cambiare l’Italia”. Quindi ha aggounto “Prima di parlare di ‘campo largò che si sfarina io aspetterei i risultati dei ballottaggi di domenica nelle 13 città capoluogo” (Sardegna Reporter)

Governo, Letta: "Il Pd si allea sui programmi"

Ma al momento non ha alcuna intenzione di scegliere tra ciò che resta del M5S e il nuovo soggetto di Di Maio. Quindi afferma che “sul campo largo sono abbastanza sereno, noi come Pd abbiamo la responsabilità di mettere in campo un’idea di Italia e poi confrontarci con gli altri” (Secolo d'Italia)

E allora la domanda non è se il Pd sta con Di Maio o con Conte, ma se sceglie di essere Macron o Mélenchon. Tra le conseguenze della scissione dei dimaiani, oltre alla fine ormai conclamata dei 5 stelle, c’è un’altra debacle: quella della strategia del campo largo. (Il Riformista)

In un contesto politico balcanizzato, non solo nel centrosinistra, l’unica certezza è il nostro ruolo centrale”. Giovedì 23 giugno 2022 - 07:08. Governo, Letta: “Il Pd si allea sui programmi”. Il segretario Pd: non entro nel derby Di Maio-Conte. (Agenzia askanews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr