Pedofilia: immunità Vaticano, le vittime non ci stanno

Pedofilia: immunità Vaticano, le vittime non ci stanno
Approfondimenti:
Corriere del Ticino ESTERI

«Riteniamo che la Cedu abbia mancato il bersaglio nella sua sentenza e speriamo che questo coraggioso gruppo di sopravvissuti ricorra in appello», conclude l’associazione delle vittime

«Il Vaticano è lontano dall’essere un Paese normale.

«Siamo rattristati per i sopravvissuti e turbati dalla sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo e crediamo che le vittime meritino di meglio dai tribunali secolari». (Corriere del Ticino)

Se ne è parlato anche su altri media

Nel 2017 hanno deciso di rivolgersi alla Corte europea dei Diritti dell’uomo La motivazione. Venti di queste persone hanno ricevuto un risarcimento attraverso un centro di arbitrariato per gli abusi sessuali della Chiesa cattolica. (Aleteia IT)

Secondo Snap – il network delle vittime – si tratta di una decisione paragonabile a un «irritante promemoria dell'impunità del Vaticano, resa possibile dal suo status di stato sovrano». «Siamo rattristati per i sopravvissuti e disturbati dalla sentenza e crediamo che le vittime meritino di meglio dai tribunali secolari. (ilmessaggero.it)

Lo ha stabilito la Corte Corte europea dei Diritti dell'uomo (Cedu) di Strasburgo, che oggi (12 ottobre) ha rigettato 24 querelanti che avevano citato in giudizio senza successo il Vaticano dinanzi ai tribunali belgi per atti di pedofilia commessi da preti cattolici. (La Repubblica)

Pedofilia, il Vaticano non può essere denunciato insieme ai sacerdoti citati dalle vittime: per la Corte Europea la Santa Sede vale l'immunità

Si sono rivolti alla Corte europea dopo che i tribunali belgi hanno stabilito che non avevano giurisdizione data l'immunità della Santa Sede come stato sovrano. Estrapolando dalle informazioni dell'indagine francese, l'Olanda, che ha una popolazione cattolica di 4 milioni, ha probabilmente 50. (Il Messaggero)

Il Vaticano non fa parte del Consiglio d’Europa, quindi non è sotto la giurisdizione della Cedu, e non è stato direttamente parte in causa nemmeno a Strasburgo. Anche perché arriva pochi giorni dopo la pubblicazione dei lavori della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa in Francia (L'HuffPost)

I querelanti si erano appellati alla corte di Strasburgo dopo che i giudici belgi avevano dichiarato di non avere giurisdizione, data l'immunità della Santa Sede come stato sovrano. Inoltre la Corte ha affermato che la cattiva condotta dei preti e dei loro superiori non può essere attribuita alla Santa Sede. (ilmattino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr