Covid, vaccini obbligatori per i sanitari: entro oggi le strutture devono comunicare gli elenchi alla Regione

Covid, vaccini obbligatori per i sanitari: entro oggi le strutture devono comunicare gli elenchi alla Regione
La Repubblica INTERNO

Scade oggi (martedì 6 aprile) il termine entro il quale gli "esercenti le professioni sanitarie" e gli "operatori di interesse sanitario" dovranno comunicare gli elenchi dei propri iscritti o dipendenti per verificare l'avvenuta vaccinazione contro il Covid.

L'obbligo discende dal decreto legge dello scorso primo aprile (articolo 4) e per la Regione Siciliana la segnalazione va inviata per posta elettronica alla mail vaccini. (La Repubblica)

Ne parlano anche altre fonti

Si tratta, nello specifico, di aziende situate per il 75 per cento al Nord, 13 per cento al Centro e solo il 12 per cento al Sud OLTRE 7MILA AZIENDE. Nelle scorse settimane, sono state contate oltre 7mila imprese che hanno dato la disponibilità dei propri spazi, oltre 10mila locali offerti anche per periodi superiori a tre mesi. (Notizie - MSN Italia)

Per saperlo dobbiamo seguire i vaccinati e vedere se e quando verranno reinfettati. Però osservando i vaccinati Moderna dopo 7 mesi è possibile che la protezione possa durare anni". (IL GIORNO)

Ma la campagna di vaccinazione in Umbria non è per il momento un modello nazionale, è in linea con molte altre realtà. Poi c'è il problema della chiamata: fatta a voce dietro una mascherina. (PerugiaToday)

Vaccini nei luoghi di lavoro, firmato l’accordo governo-parti sociali. Ecco cosa prevede

Possibile solo l’asporto, fino alle 18, e la consegna a domicilio, fino alle 22 e solo per i ristoranti Scuola, visite, vaccini: cosa cambia. Ecco, in sintesi i principali provvedimenti adottati:. 🛑 ZONE. (Prima Brescia)

(mi-lorenteggio.com) Milano, 07 aprile 2021 – La Regione Lombardia, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi, ha approvato un bando da 360 mila euro per la nuova costruzione di centri di lavorazione della selvaggina e centri di sosta e pe ristrutturazione e ammodernamento di quelli esistenti. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Altra indicazione: bisogna assicurare un piano di turnazione dei lavoratori dipendenti dedicati alla produzione con l’obiettivo di diminuire al massimo i contatti Dalla vaccinazione diretta in azienda, al ricorso a strutture sanitarie private attraverso lo strumento delle convenzioni, o a strutture territoriali dell’Inail. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr