Neofascisti ricordano i morti della repubblica di Salò, tensione a Dongo VIDEO E FOTO

Neofascisti ricordano i morti della repubblica di Salò, tensione a Dongo VIDEO E FOTO
Prima Lecco INTERNO

Tensione a Dongo, in Provincia di Como, per la manifestazione organizzata dai neofascisti dell’associazione “Mario Nicolini” in commemorazione dei caduti della Repubblica Sociale Italiana e la protesta di anti fascisti.

Tra tensione e polemiche. Ogni anno la manifestazione scatena molte polemiche e momenti di tensione tra le due fazioni.

Manifestazione di neofascisti a Dongo. Oggi, domenica 2 maggio, i simpatizzanti dell’associazione si sono riuniti a Dongo, città simbolo del tramonto del Fascismo, per celebrare i morti della repubblica di Salò in occasione dell’anniversario della cattura di Mussolini e dei suoi gerarchi. (Prima Lecco)

Ne parlano anche altre fonti

L'Anpi e associazioni anti fasciste hanno risposto organizzando una contro manifestazione (Corriere TV)

La memoria di Mussolini e quella della Resistenza. ascisti contro antifascisti. (AGI - Agenzia Italia)

Tensione, ma nessuno scontro. La ringhiera del lungolago è ancora quella di allora, con i fori dei proiettili lasciati a futura memoria. Da una parte “Presente” e saluti romani. (Ticinonews.ch)

Dongo, fascisti in camicia nera per ricordare la fucilazione di Mussolini

Domenica mattina a Dongo (Ansa). Si è svolta così, tra saluti romani da una parte, "Bella ciao" e slogan dall'altra domenica mattina in piazza Paracchini a Dongo la commemorazione dei gerarchi fascisti fucilati il 28 aprile del 1945, una cerimonia organizzata dall'associazione Mario Nicollini di Como, autorizzata da Questura e Prefettura e contro la quale si sono alzate molte voci da parte dell'ANPI, dei sindacati e di politici di sinistra. (RSI.ch Informazione)

La manifestazione a Dongo, in una piazza blindata con polizia e carabinieri in tenuta antisommossa, è durata pochi minuti: il tempo di scandire i nomi dei morti della Rsi da commemorare Erano circa 200 i camerati che si sono dati appuntamento a Dongo per ricordare Benito Mussolini, fucilato 28 aprile 1945 dai partigiani insieme alla sua amante Claretta Petacci a Giulino, frazione di Mezzegra, a poca distanza. (Corriere TV)

Dongo - Erano all’incirca una settantina i cosiddetti “nostalgici” del fascismo e del governo di Mussolini, che anche quest’anno si sono riuniti in piazza Paracchini a Dongo, vestiti di nero, per la commemorazione dei gerarchi fascisti fucilati alle 17 del 28 aprile del 1945 esattamente in questo luogo, davanti alla ringhiera sul lago, dove ancora oggi sono rimasti i segni dei colpi esplosi quel giorni. (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr