Green pass, proposta di Grillo: "Stato paghi tamponi ai lavoratori". Quanto ci costerebbe?

Green pass, proposta di Grillo: Stato paghi tamponi ai lavoratori. Quanto ci costerebbe?
Sky Tg24 INTERNO

Ansa. “Questo meccanismo che non invaderebbe la privacy se non nei limiti strettamente necessari - ha spiegato Grillo - e comunque senza conseguenza alcuna per i lavoratori, se non ai fini di pagare il costo del tampone, avrebbe il doppio vantaggio: uno, di essere veloce, evitare file e controlli ai tornelli aziendali, durante i quali certamente i lavoratori vedrebbero in quel caso violati i loro spazi di libertà, e due, di essere gratuito per i lavoratori, e di individuare il costo e coprirlo con un bonus apposito, pagato dallo Stato”

(Sky Tg24 )

Se ne è parlato anche su altri giornali

Le stime del governo parlano di poco meno di due milioni e mezzo di persone, la maggior parte (2,2 milioni) lavoratori privati e il resto (250mila) del settore pubblici. Il D-day per il Green pass nel mondo del lavoro si avvicina. (Quotidiano.net)

Ma se scoppia un cluster in azienda ed emerge che un dipendente non era coperto da pass valido chi paga? Nel rispetto della privacy il green pass può essere soltanto controllato al momento ma il datore di lavoro non può registrarne la scadenza. (il Giornale)

Anche in questo caso il controllo spetta al datore di lavoro: chi è senza pass risulta assente ingiustificato e si vedrà sospeso lo stipendio Per chi viene trovato al lavoro senza il certificato è prevista una sanzione da 600 a 1.500 euro. (Il Messaggero)

Green pass, tamponi a 72 ore? Cosa dicono esperti

IPA/Fotogramma. “Hanno difficoltà a fare il tampone in ambulatorio, perché sono nel nostro contratto, ma è giusto farlo al paziente che ha sintomi, per capire se ha il Covid o l'influenza, o al paziente che è stato a contatto con un positivo. (Sky Tg24 )

Abbiamo fatto una legge, ed è come se derogassimo la legge pagandola per di più noi questa deroga: sarebbe un pochino insensato”. Sarebbe scelta insensata” Di. “La penso in mondo abbastanza simile al ministro Orlando. (Orizzonte Scuola)

"Pensare di spostare a 72 ore vuole dire correre il rischio di perdersi qualche positivo asintomatico e non possiamo permettercelo - sottolinea all'Adnkronos Salute Andreoni - Personalmente non mi sentirei di considerare questa ipotesi per i testi antigenici" (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr