Trova un sicario sul dark web: "Devi sfregiare la mia ex e costringerla sulla sedia a rotelle"

Trova un sicario sul dark web: Devi sfregiare la mia ex e costringerla sulla sedia a rotelle
Approfondimenti:
L'Unione Sarda.it INTERNO

Un quarantenne lombardo è finito agli arresti domiciliari con l'accusa di atti persecutori aggravati.

Secondo le indagini della Polizia postale e della Squadra mobile di Roma, l'uomo - esperto informatico, funzionario di una grande azienda - aveva ingaggiato un sicario sul dark web, affinché la ex fosse "sfregiata con l'acido e costretta su una sedia a rotelle".

Il tutto mentre il quarantenne "inondava" la donna di fiori e messaggini

Quest'ultimo era riuscito a metterlo in contatto con un sicario, che si era impegnato a portare a compimento l'incarico in breve tempo. (L'Unione Sarda.it)

Ne parlano anche altre fonti

Il 40enne, secondo gli accertamenti condotti dagli investigatori, aveva iniziato le ricerche con uno pseudonimo individuando per primo un intermediario, incaricato di contattare il sicario. In cambio, il mandante prometteva 10mila euro in bitcoin da versare in quattro tranche. (RomaToday)

Un piano studiato nei minimi dettagli ma gli investigatori del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, della Squadra Mobile e della Polizia Postale di Roma sono riusciti a individuare tempestivamente e a fermare il mandante. (leggo.it)

Atti persecutori aggravati nei confronti della ex fidanzata. Ma è la prima volta che, attraverso un’investigazione su diversi piani operativi, reali e virtuali, gli investigatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni, della Squadra Mobile e della Polizia Postale di Roma sono riusciti a individuare e fermare e arrestare il mandante di un grave delitto di violenza di genere, progettato nei minimi dettagli sul Dark web. (Corriere della Sera)

Roma, cerca sicario su Dark Web per aggredire ex: arrestato 40enne

La Polizia ha fermato un quarantenne lombardo prima che potesse agire - Ansa /CorriereTv. Un quarantenne lombardo, funzionario di una grande azienda ed esperto informatico, è stato messo agli arresti domiciliari con una misura cautelare dopo che la Polizia ha rinvenuto sul Dark web conversazioni e pagamenti con un sicario. (Corriere TV)

Quello che è stato definito un “esperto informatico” ha tentato la via del dark web e del pagamento in bitcoin per cercare di non lasciare traccia, ma le sue tracce sono state invece seguite dagli inquirenti fino al domicilio, passo dopo passo. (Punto Informatico)

Agli arresti domiciliari è finito un 40enne lombardo, esperto informatico e funzionario di una grande azienda, accusato di atti persecutori aggravati. Il piano prevedeva che la donna fosse sfregiata l'acido e costretta sulla sedia a rotelle. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr