Ex maresciallo dei carabinieri ucciso in Salento: Silvano Nestola freddato da un killer incappucciato

Ex maresciallo dei carabinieri ucciso in Salento: Silvano Nestola freddato da un killer incappucciato
Fanpage.it INTERNO

Silvano Nestola sarebbe uscito di casa per rispondere alla chiamata di qualcuno, probabilmente una persona che conosceva.

L'ex maresciallo avrebbe tentato la fuga in auto: il finestrino del lato passeggero è stato crivellato dalle pallottole.

Ha sparato all'ex maresciallo diversi colpi di pistola prima di scappare e far perdere le sue tracce.

L'ex maresciallo dei carabinieri è stato ucciso sotto casa da un killer incappucciato nella serata di ieri. (Fanpage.it)

Ne parlano anche altri media

APPROFONDIMENTI IL DELITTO Copertino: l'assassinio del maresciallo dei carabinieri VIDEO Omicidio a Copertino, ucciso un carabiniere - VIDEO. Caccia all'assassino. Si cerca un individuo: unico indizio al momento, avrebbe agito incappucciato. (Il Messaggero)

All’arrivo sul posto dei sanitari del 118, purtroppo per l’uomo non c’è stato da fare. Omicidio in strada a Copertino: un maresciallo dei carabinieri è stato freddato a colpi di pistola. (LecceSette)

Il militare che, a settembre era stato riformato per problemi di salute, è stato raggiunto, mentre si trovava dalla sorella con il figlio di 10 anni, da alcuni colpi di fucile che lo hanno ucciso sul colpo. (LecceSette)

Silvano Nestola: l'ex carabiniere ucciso da un uomo incappucciato a Copertino

Silvano Nestola, ex carabiniere da poco a riposo, è stato ucciso con colpi d’arma da fuoco a Copertino, in Salento. Il militare, 46 anni, è stato freddato davanti al figlio di dieci anni in contrada Tarantino, davanti alla casa di campagna della sorella, con cui aveva appena cenato. (Il Sussidiario.net)

Un maresciallo dei carabinieri in pensione è stato ucciso a Copertino dopo le 22 di ieri, 3 maggio. Silvano Nestola, 46 anni, è stato raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco davanti alla casa della sorella dove si era recato con il figlioletto per la cena. (Il Messaggero)

L’assassino aveva il volto incappucciato per non farsi riconoscere quando ha affrontato il carabiniere sullo sterrato davanti all’abitazione del militare ferito a morte con diversi colpi di pistola. Chi ha ucciso l’ex carabiniere ne conosceva i movimenti e lo ha atteso in strada con l’intento di ucciderlo (LA NOTIZIA)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr