Lavapiatti bengalese decapitato con un machete: fermato un connazionale

Lavapiatti bengalese decapitato con un machete: fermato un connazionale
Approfondimenti:
Il Primato Nazionale INTERNO

E’ stato il coinquilino a ritrovare il corpo decapitato del bengalese: la scoperta è avvenuta poco dopo mezzanotte.

Si tratterebbe di un trentenne, connazionale del defunto, fermato dagli agenti mentre scendeva da un treno proveniente dalle Valle di Susa.

L’uomo stava rientrando a casa dopo aver smontato dal turno nello stesso ristorante in cui lavorava la vittima.

Arrestato presunto assassino del bengalese decapitato. (Il Primato Nazionale)

Ne parlano anche altre testate

A lanciare l'allarme è stato il coinquilino del giovane che rientrato in casa ha scoperto il corpo ormai senza vita del 25enne. Il 25enne è stato sgozzato. Inutili i tentativi di rianimarlo da parte dei medici che non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. (Fanpage.it)

Lavapiatti bengalese decapitato con un colpo di mannaia. Le modalità del delitto fanno pensare a un omicidio simbolico. (Imola Oggi)

LA VICENDA - Varie volte Mostafa ha chiesto indietro la somma, visto che il 'pattò non era stato rispettato. «Abbiamo ritrovato il coltello, il cordoncino di nylon - spiega Mitola - e gli abiti lavati, che abbiamo riconosciuto grazie alle immagini». (ilmattino.it)

Torino, fermato uomo sospettato dell’assassinio di Mohammad Ibrahim, il lavapiatti decapitato nel suo…

Come riporta “La Repubblica”, il ragazzo era tornato nel suo Paese due volte durante il lockdown, perché in Italia non c’era lavoro. . Denise Pipitone, ex collega di Anna Corona/ “L'1 settembre non la vidi dopo le 12:00” (Il Sussidiario.net)

La perquisizione a suo carico ha portato al sequestro di capi di abbigliamento e di altri elementi di rilievo probatorio, compreso un grosso coltello da cucina adoperato quale arma del delitto Mohamed Ibrahim, il 25enne bengalese decapitato la scorsa notte in corso Francia, a Torino, è stato ucciso per questioni economiche. (Video - La Stampa)

Per gli inquirenti non è ancora chiaro il movente, ma tra le ipotesi si fa largo quella della vendetta per un debito non pagato dalla vittima, lavapiatti in un ristorante nella provincia. Due giorni fa Mohammad Ibrahim era stato trovato morto nel suo appartamento, decapitato con un’arma da taglio pesante, presumibilmente un machete. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr