Medico racconta: “In ospedale molti no vax. Prima di essere intubati implorano di essere vaccinati”

Medico racconta: “In ospedale molti no vax. Prima di essere intubati implorano di essere vaccinati”
Altri dettagli:
Fanpage.it SALUTE

"Una delle ultime cose che fanno prima di essere intubati è pregarmi di fargli il vaccino

Prima di essere intubati implorano di essere vaccinati” Brytney Cobia, dottoressa dell’Alabama, ha raccontato che negli ultimi tempi stanno aumentando i ricoveri dei giovani, molti dei quali prima di contrarre la Covid erano perfettamente sani e non avevano voluto vaccinarsi.

Medico racconta: “In ospedale molti no vax. (Fanpage.it)

Su altre testate

In un'intervista con Al.com la dottoressa aveva detto: «Nel 2020 e all'inizio del 2021, quando il vaccino non era disponibile, era solo tragedia dopo tragedia dopo tragedia La dottoressa racconta che molti pazienti giovani in gravi condizioni, «prima di essere intubati», la implorano di ricevere il vaccino quando è però ormai «troppo tardi». (ilmessaggero.it)

Già qualche ristorante ha esposto i cartelli: No ai no vax, con una bella striscia rossa di divieto stampata sopra. (ilSicilia.it)

Inoltre, il medico ha rivelato che, dopo il lungo post su Facebook, ha ricevuto tantissimi messaggi di minacce dai no-vax su quanto detto Nel post racconta che moltissime persone no-vax si sono pentite di non essersi vaccinate. (CheNews.it)

“Mi dispiace ma è troppo tardi”, medico racconta cosa gli chiedono i NoVax prima di morire

Nell’archiviare il giudice per le indagini preliminari – ed è uno dei primi casi – tira in ballo le linee guida Covid, dicendo che non hanno agevolato il lavoro dei sanitari. In tale contesto "la valutazione di colpa professionale necessita di riscontri concreti ed evidenti circa la violazione di raccomandazioni previste da linee guida: di tali violazioni nel caso in esame non vi è traccia" (il Resto del Carlino)

Anche perché lo sfortunato Claudio ha 57 anni, non è anziano e non aveva malattie pregresse. Otto mesi, quasi nove, così tanto è durato il calvario ospedaliero di Claudio Corridoni a causa del Covid, ma ciò che conta è che manca poco al suo ritorno a casa, a Sant’Angelo in Pontano. (Il Resto del Carlino)

Lunedì scorso, 19 luglio, sui social media ha raccontato che tutti, tra uno, dei suoi pazienti con il Covid-19 non ha ricevuto il vaccino. E io torno nel mio ufficio, annoto i decessi e recito una piccola preghiera affinché quelle perdite possano salvare più vite» (BlogSicilia.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr