Vaticano, il Papa: basta privilegi ai cardinali, da oggi vengono giudicati in Tribunale come tutti

Per saperne di più:
La Stampa ESTERI

Lo stabilisce una nuova Lettera apostolica in forma di Motu proprio di papa Francesco, pubblicata ieri, «recante modifiche in tema di competenza degli organi giudiziari dello Stato della Città del Vaticano».

CITTÀ DEL VATICANO.

Secondo Francesco, la consapevolezza di «tali valori e princìpi, progressivamente maturata nella comunità ecclesiale, sollecita oggi un sempre più adeguato conformarsi ad essi anche dell’ordinamento vaticano». (La Stampa)

Su altri giornali

Sabato 1 maggio infatti Francesco prega presso la Madonna del Soccorso. Nel 1934 fu consacrata quella che oggi è la Basilica di Nostra Signora di Walsingham, Santuario cattolico nazionale. (Avvenire)

Papa Francesco pregherà il Rosario per invocare la fine della pandemia, 1° maggio: ecco dove seguirlo in TV. Il Papa, nel Motu proprio, citando le parole pronunciate in quella occasione, richiama la “prioritaria esigenza, che – anche mediante opportune modifiche normative – nel sistema processuale vigente emerga la eguaglianza tra tutti i membri della Chiesa e la loro pari dignità e posizione, senza privilegi risalenti nel tempo e non più consoni alle responsabilità che a ciascuno competono nella aedificatio Ecclesiae” Grazie ad una novità introdotta dal Motu proprio di Papa Francesco, che modifica l’ordinamento giudiziario dello Stato vaticano promulgato nel marzo 2020, i cardinali e vescovi accusati di reati penali dai magistrati vaticani, se rinviati a giudizio, saranno processati dal Tribunale dello Stato della Città del Vaticano come tutti gli altri e non da una Corte di Cassazione presieduta da un cardinale, come avveniva fino ad oggi. (Papaboys 3.0)

"Vergine Santa, illumina le menti degli uomini e delle donne di scienza, perché trovino giuste soluzioni per vincere questo virus - aggiunge - Con queste parole papa Francesco ha introdotto nella Basilica di San Pietro, presso l'icona della Madonna del Soccorso posta nella Cappella Gregoriana, la preghiera del Rosario per invocare la fine della pandemia. (msn.com)

La maratona di preghiera: il 1 maggio con papa Francesco e dall'Inghilterra

Una necessità da parte del Pontefice di dare un ordine, una regola comune per l’intero Stato e per tutti coloro che vi lavorano. Una vera e propria norma sulla trasparenza per avere dirigenti puliti e privi di condanne. (La Luce di Maria)

C’è, infine, una novità che riguarda tutti i dipendenti della Curia romana, dello Stato della Città del Vaticano e degli enti collegati: il divieto di accettare, in ragione del proprio ufficio, “regali o altre utilità” di valore superiore a 40 euro (LA NOTIZIA)

Dopo la spaghettata, Vittorio Lauria avrebbe dato alla ragazza "un pantaloncino e una t-shirt per dormire. Io l'ho presa e l'ho fatta alzare dal divano, le ho detto di vestirsi per andare via" (Yahoo Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr