Suicidio assistito: Cappato indagato a Milano

Suicidio assistito: Cappato indagato a Milano
Più informazioni:
Tiscali Notizie INTERNO

Milano, 4 ago.

(askanews) - Il tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, è indagato a Milano per aver accompagnato in Svizzera la signora Elena, una 69enne veneta affetta da tumore polmonare irreversibile con metastasi, a morire con la procedura del suicidio assistito.

Il reato contestato è aiuto al suicidio.La sua iscrizione nel registro degli indagati, stando a quanto apprende askanews da qualificate fonti giudiziarie milanesi, è scattata come auto dovuto in seguito alla decisione di Cappato di autodenunciarsi davanti ai carabinieri del capoluogo lombardo subito dopo essere rientrato in Italia dalla Svizzera. (Tiscali Notizie)

Su altri media

Non si tratta di scegliere se vivere o morire, ma si stratta di persone che vogliono scegliere come morire con dignità" Ci sono migliaia di persone che chiedono il suicidio assisitito. (Repubblica TV)

Cappato rischia dunque fino a 12 anni di carcere per l'accusa di aiuto al suicidio Roma, 3 ago. (Il Sole 24 ORE)

Il suicidio assistito di Elena

Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, si è autodenunciato mercoledì mattina ai carabinieri della Stazione Duomo di Milano per aver accompagnato una donna, Elena, al suicidio assistito in Svizzera, a Basilea. (RSI.ch Informazione)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr