I criminali di mezzo mondo si scambiavano messaggi su un app dell'Fbi. Senza saperlo

I criminali di mezzo mondo si scambiavano messaggi su un app dell'Fbi. Senza saperlo
Più informazioni:
quoted business ESTERI

È stato così possibile incriminare uomini legati ai cartelli della droga sudamericani, alle triadi asiatiche e alle organizzazioni criminali mediorientali ed europee

Centinaia di persone sono state arrestate in diverse parti del mondo in un’operazione contro la criminalità organizzata, grazie all’infiltrazione della polizia in un’app utilizzata per scambiare messaggi in codice tra criminali.

Lo ha reso noto la polizia federale australiana. (quoted business)

Se ne è parlato anche su altre testate

Nel corso del operazione sono state sequestrate più di tre tonnellate di droga e 35 milioni di dollari in contanti Attraverso il dispositivo la polizia ha potuto ascoltare ogni comunicazione, la pianificazione di omicidi, l'organizzazione dei traffici di droga di armi ed il riciclaggio. (TG La7)

La polizia australiana è stata tra le prime a presentare i risultati di Operazione Ironside. Martedì 8 giugno 2021 - 08:19. Centinaia di arresti in 18 paesi del mondo (grazie all’app An0m). Oltre 200 persone arrestate solo in Australia. (askanews)

Un blitz guidato dall'FBI ha portato all'arresto di centinaia di sospetti personaggi della criminalità organizzata in tutto il mondo grazie ad un'app di messaggistica crittografata, hanno annunciato martedì le autorità australiane, citate da Axios. (Sputnik Italia)

App installata nei cellulari dei criminali, centinaia di arresti in 18 Paesi

L’operazione che ha permesso di tenere monitorate le azioni dei criminali è stata eseguita in Europa, Australia, Nuova Zelanda e Usa. Fondamentale è stata l’infiltrazione della polizia in un’app usata dai criminali per scambiare messaggi in codice. (Yahoo Notizie)

Oltre 800 arresti in Ue, Usa, Australia e Nuova Zelanda Keystone. Lo ha detto nel corso di una conferenza stampa il vice direttore delle operazioni di Europol, Jean-Philippe Lecouffe. (Bluewin)

L’operazione, condotta anche in Europa, Stati Uniti e Nuova Zelanda, ha coinvolto più di 9mila funzionari delle forze dell’ordine in tutto il mondo. Secondo la polizia, erano circa 12.500 gli utenti a livello globale e 1.100 quelli attivi nella sola Australia. (Il Quotidiano Italiano - Nazionale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr