Qualcuno salvi Parisi dalla trasformazione in guru tuttologo

Qualcuno salvi Parisi dalla trasformazione in guru tuttologo
Approfondimenti:
Tempi.it INTERNO

Non ha resistito che poche ore, il fisico italiano Giorgio Parisi, dopo l’assegnazione del premio Nobel per «la scoperta dell’interazione di materiali disordinati e fluttuazioni nei sistemi fisici dal livello atomico a quello planetario».

Contro il pil, per il clima. Invitato a parlare alla Camera in occasione degli ennesimi lavori preparatori alla Cop26, la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima che si terrà a Glasgow a novembre, Parisi si è lanciato una editorialessa politica dal sapore anticapitalista, parlando di lotta ai cambiamenti climatici con qualche frase fatta, diverse esagerazioni e dando per sicure previsioni che non tutti gli esperti danno per sicure, criticando l’aumento del Pil perché «in profondo contrasto con l’arresto del cambiamento climatico» e parlando di governi «non all’altezza». (Tempi.it)

Ne parlano anche altri giornali

Daniele Manca ne parla con Giorgio Parisi. «Lo dicono i Lincei» è una rubrica mensile di approfondimento dell’Accademia dei Lincei patrocinata dell’Associazione Amici dell’Accademia dei Lincei in collaborazione con Il Corriere della Sera (Corriere TV)

Gran parte della sua ricerca ricade sotto il nome di Fisica statistica e dei sistemi complessi. Anche il dipartimento di Scienze matematiche fisiche e Informatiche della nostra Università è diventato un punto di incontro per tutta la comunità di Fisica statistica e dei Sistemi complessi. (Gazzetta di Parma)

Morti di bambini appena nati o gravidanze non portate a termine- conclude Parisi- sono disastri che investono altamente le famiglie E parla di precarietà dei contratti che non aiutano le giovani coppie a mettere su famiglia. (la Repubblica)

Natalità e lavoro. Il Nobel Parisi ai Lincei: "Questo non è un paese per giovani"

La religione cerca la spiegazione del mondo in qualcosa che lo trascende. Così il premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi si esprime in merito al rapporto fra scienza e religione in un'intervista a Famiglia Cristiana, nel numero in edicola da giovedì. (AGI - Agenzia Italia)

L'Italia non è un paese per giovani", ha detto citando il titolo di una trasmissione radiofonica.Il Convegno dice il Nobel "con una storia complicata. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr