Le mille vite di Lucy Salani, transessuale più anziana d'Italia sopravvissuta a Dachau - Icon

Icon Magazine CULTURA E SPETTACOLO

Foto: Kimerafilm Lucy Salani e Ambra Guarnieri nel film "C’è un soffio di vita soltanto". Lucy è un modello di libertà e forza

Lucy Salani è anche una dei pochi sopravvissuti al campo di concentramento di Dachau ancora in vita, esperienza terribile che tuttora tormenta le sue notti.

Foto: Kimerafilm Lucy Salani nel film "C’è un soffio di vita soltanto". Il titolo del film C’è un soffio di vita soltanto?

La famiglia è il luogo in cui c’è amore, comprensione, e anche scontro, ma fondamentalmente in cui c’è vita. (Icon Magazine)

La notizia riportata su altri media

Il risultato è C’è un soffio di vita soltanto (da ieri nelle sale) e la protagonista assoluta, che racconta le tante vite vissute nel corso di quasi un secolo, si chiama Lucy Salani, transessuale di 96 anni, vive nella periferia bolognese in un appartamento decadente (lo è tutto il Poi, li ha accolti, si è manifestata una fiducia reciproca e le riprese si sono succedute per un anno in un clima di rispetto, ascolto, comprensione. (Il Manifesto)

Lucy Salani, a 97 anni, è la trans più vecchia d’Italia, vive a Bologna nella periferia di Borgo Panigale, assistita da volontari che sono ormai diventati suoi amici. Un’esistenza in cui Luciano/Lucy è stata un po’ di tutto: soldato e disertore dopo l’8 settembre, tappezziere, ballerina, madre adottiva. (Sette del Corriere della Sera)

La storia di Lucy Salani, a 97 anni è la trans più vecchia d'Italia: da superstite dei lager a nonna adottiva

Erano gli anni ’30 del ‘900, il fascismo era in auge e in quel tempo la vita per Lucy non era semplice. “Mia madre era disperata – racconta Lucy nel documentario – Volevo sempre fare ciò che a quell’età facevano le bambine: cucinare, pulire e giocare con le bambole. (Il Riformista)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr