Eitan, la zia: "Per lui un'altra tragedia". Da Isreale: "Rapito? No, non avevamo scelta"

Eitan, la zia: Per lui un'altra tragedia. Da Isreale: Rapito? No, non avevamo scelta
QUOTIDIANO NAZIONALE INTERNO

La preoccupazione già ad agosto. Ad agosto, in un post scritto in ebraico ma finora accontonato, la zia Aya aveva detto: "Criminale.

La zia materna. "Abbiamo agito per il bene di Eitan", ha invece affermato la zia materna Gali Peleg, sostenendo che "non lo abbiamo rapito, ma riportato a casa.

Il sindaco di Pavia. "Eitan è stato rapito dal nonno materno.

Il piccolo Eitan nella cabina: l'ultima foto prima della tragedia. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Ne parlano anche altre fonti

“Il nonno materno – ha aggiunto – è stato condannato per maltrattamenti in famiglia nei confronti della sua ex moglie, la nonna materna, e tutti i suoi appelli sono stati respinti in 3 gradi di giudizio”. (Inews24)

La zia paterna ricorda anche che Peleg “è stato condannato in Israele per maltrattamenti nei confronti della ex moglie in tre gradi di giudizio”. Il piccolo Eitan dunque, dopo tutto quello che gli è successo, è al centro di una partita delicatissima che ha sullo sfondo anche interessi economici. (L'Unione Sarda.it)

Eitan subito dopo l'incidente e le dimissione dall'ospedale era stato affidato, come disposto dalla Procura di Pavia, alla zia paterna. Stando a quanto raccontato da loro, Eitan è stato fatto salire su un aereo privato dal nonno materno, che era in possesso del passaporto del nipote, e portato in Israele. (Fanpage.it)

«Eitan rapito», portato in Israele dal nonno il bambino sopravvissuto alla tragedia del Mottarone. La procura di Pavia apre inchiesta per sequestro di persona

Si indaga per sequestro Il bimbo di sei anni è l'unico sopravvissuto della sua famiglia alla tragedia del Mottarone. Parla la zia in Israele: "Finalmente a casa". Condividi. Il piccolo Eitan Biran, il bambino israeliano di 6 anni unico sopravvissuto della sua famiglia alla tragedia del Mottarone a maggio, sarebbe stato "rapito" dal nonno materno e portato in Israele. (Rai News)

“Non abbiamo rapito Eitan e non useremo quella parola, l’abbiamo portato a casa e abbiamo dovuto farlo perché non avevamo notizie sulla sua salute e la sua condizione mentale. ha dichiarato Gali Peleg zia materna del piccolo in un’intervista alla radio israeliana 103 (il Fatto Nisseno)

Il giornale israeliano descrive nei particolari come il nonno abbia portato con sé il piccolo Eitan: insieme hanno lasciato la casa della zia stamani senza rincasare in serata CRONACA Funivia, il legale dei familiari di Eitan: «Tutti i. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr