Napoli, non si è ripetuto il miracolo di San Gennaro

LaPresse INTERNO

Milano, 1 mag. (LaPresse) - Non si è ripetuto il prodigio della liquefazione del sangue di San Gennaro, patrono di Napoli. (LaPresse)

Su altri media

Il sangue di San Gennaro potrebbe sciogliersi comunque nel corso delle prossime ore Oggi 1° maggio 2021 non si è sciolto il Sangue di San Gennaro, patrono di Napoli, alle ore 19,16, e non si è ripetuto il prodigio al primo tentativo. (il Caudino)

La teca è stata prelevata per la prima volta dalla cassaforte dall’Arcivescovo Metropolita don Mimmo Battaglia, che ha celebrato la liturgia in una delle tre date, il primo sabato di maggio, in cui si celebra la liquefazione del sangue del patrono di Napoli, oltre al 19 settembre e al 16 dicembre. (Il Fatto Quotidiano)

Nella sua omelia don Mimmo Battaglia ha usato parole dure contro la camorra Sull’altare, oltre a don Battaglia, era presente anche il cardinale Crescenzio Sepe, suo predecessore come guida della Chiesa di Napoli. (Il Riformista)

Oggi "miracolo" di San Gennaro, ma senza processione

Al termine della messa il sangue del martire era ancora solido. Il cardinale Mimmo Battaglia, nella sua prima celebrazione dedicata a San Gennaro, ha estratto alle 18 l'ampolla dalla cappella del Tesoro e ha poi dato inizio alla celebrazione liturgica, anche quest'anno senza la tradizionale processione a casa a causa del Covid-19. (leggo.it)

Dal 2 al 9 maggio, poi, i fedeli potranno andare in Cattedrale per pregare davanti alle reliquie La teca con il sangue del Santo sarà presa dalla cassaforte a cura dell’arcivescovo metropolita di Napoli don Mimmo Battaglia (per la prima volta), assistito dall’abate monsignor Vincenzo De Gregorio e dal sindaco Luigi de Magistris, nonché dal governatore della Regione Vincenzo De Luca. (NapoliToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr