Pizzeria, in vetrina la bolletta da 4mila euro. Titolare: "Margherita a 10 euro e passo da ladro o chiudo?"

Virgilio Notizie ECONOMIA

Bolletta triplicata. Chi ha scritto il cartello è Alberto Rovati, il titolare della suddetta pizzeria.

Roncadello, frazione di Casalmaggiore, in provincia di Cremona: fuori dalla pizzeria Funky Gallo compare un cartello.

Fonte foto: ANSA. “Non vendo la pizza a 10 euro, non sono Briatore”. “Non venderò la pizza a 10 euro, non sono mica Flavio Briatore

Vorace di tutto ciò che è attualità, con un occhio "storico" rivolto al passato e un occhio "curioso" rivolto al futuro. (Virgilio Notizie)

Ne parlano anche altre testate

L’intervista al titolare del «Funky Gallo» di Casalmaggiore (Cremona) che ha avuto l’idea della singolare protesta. Ha scatenato un acceso dibattito l’originale protesta di Alberto Rovati, titolare della pizzeria «Funky Gallo». (Corriere TV)

Nei giorni scorsi, in una pizzeria di Roncadello, vicino al confine con la provincia mantovana, è stata esposta in vetrina la bolletta dell’energia elettrica consumata dall’attività nel il mese di luglio, che ammonta a 4.058 euro. (La Gazzetta di Mantova)

Insieme al conto della pizza anche la bolletta: la protesta. “Quando le spese diventano insostenibili. Abbiamo fatto un rapido calcolo: se prima potevamo servire una margherita a 5-6 euro, adesso dobbiamo passare al rialzo (QuiFinanza)

Il messaggio rivolto ai suoi clienti, scritto di proprio pugno, che accompagnava la bolletta era chiaro: “Quando le spese diventano insostenibili, mettere una pizza margherita a 10 euro e passare da ladro o chiudere l'attività?". (ilGiornale.it)

«Meglio mettere la Margherita a 10 euro e passare da ladro oppure chiudere l’attività?». «Sul settore gravano diverse incognite: l’andamento della pandemia, la guerra in Ucraina, l’incertezza dell’esito elettorale — conclude Stoppani, presidente Epam — (Corriere Milano)

«Quando le spese diventano insostenibili» scrive l'uomo su un biglietto a fianco della fotocopia della bolletta. A Roncadello, nel Cremonese, un ristoratore ha messo in vetrina la bolletta dell'energia per giustificare l'aumento dei prezzi. (Alto Adige)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr