Ocse: Italia maglia nera sui salari, -7% dal 2019 L’Italia è terzultima: ‘Le imprese assorbano gli aumenti in busta’ – Radio Senise Centrale

Ocse: Italia maglia nera sui salari, -7% dal 2019 L’Italia è terzultima: ‘Le imprese assorbano gli aumenti in busta’ – Radio Senise Centrale
Articolo Precedente

next
Articolo Successivo

next
Più informazioni:
Radio Senise Centrale INTERNO

Ocse: Italia maglia nera sui salari, -7% dal 2019 L’Italia è terzultima: ‘Le imprese assorbano gli aumenti in busta’ La crescita regge e la disoccupazione è ai minimi, eppure l’Italia si tiene stretta la sua ‘maglia nera’ per la crescita, o meglio, la decrescita, dei salari reali. Un trend che ha aiutato l’export, ma tiene sotto pressione il potere d’acquisto delle famiglie e quindi i consumi.La fotografia è dell’Ocse, i cui dati rielaborati dall’Inapp avevano sollevato l’allarme di salari reali stagnanti dal 1991 al 2023 (+1%) contro il 32,5% della media dei Paesi dell’organizzazione parigina. (Radio Senise Centrale)

Se ne è parlato anche su altri media

Un trend che ha aiutato... Leggi tutta la notizia (Virgilio)

L’Ocse … A confermarlo l’Ocse nel suo Employment Outlook 2024. (Il Fatto Quotidiano)

L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) raggruppa 38 Paesi membri in un contesto che offre loro la possibilità di discutere, rivedere e migliorare la loro politica economica, finanziaria, scientifica, sociale, ambientale, della formazione e dello sviluppo. (fai.informazione.it)

Salari, Ocse: “Italia maglia nera”

Nell’Employment Outlook 2024 si legge chiaramente che soltanto 19 dei 35 Paesi Ocse sono tornati ai livelli salariali precedenti al 2020. Questo slancio, tuttavia, mostra dei rallentamenti che non possono essere sottovalutati, anche perché la forte inflazione influisce molto ancora sugli stipendi dei lavoratori. (QuiFinanza)

Il mercato del lavoro italiano, dopo anni di stagnazione, sta vivendo una stagione di rinnovamento. A evidenziarlo è l’Ocse nello studio “Prospettive dell’occupazione 2024”. A migliorare sono diverse metriche, dal tasso di occupazione a quello di disoccupazione. (Start Magazine)

Lo dice l’Ocse che fornisce alcuni dati, sottolineando come siano rimasti “stagnanti dal 1991 al 2023”. Related posts: Nestlé, 110 anni di eccellenza in Italia: un’impresa che si racconta (Il Giornale dell'Umbria – il giornale on line dell'Umbria)