Conegliano, tre ricoverati tra i 19 e i 25 anni: il bilancio del raid punitivo di oggi pomeriggio. Le prime reazioni in città

Conegliano, tre ricoverati tra i 19 e i 25 anni: il bilancio del raid punitivo di oggi pomeriggio. Le prime reazioni in città
Qdpnews INTERNO

“Al momento non sono stati quantificati i danni, – ha dichiarato Boscarato – ma ciò che è certo è che cose di questo genere non se ne erano mai viste a Conegliano”.

Bisogna identificare le persone e dargli il daspo urbano, in modo che non possano più entrare in città.

“Non ci deve essere buonismo con queste persone che si comportano così, in pieno giorno.

Chiederò al commissario Roccoberton di convocare tutte le forze di polizia, perché deve essere utilizzato lo stesso metodo che è stato usato anche al Biscione”. (Qdpnews)

Se ne è parlato anche su altri giornali

La città è ancora sotto shock: le immagini diffuse sui social hanno fatto discutere, e in città – anche oggi – non si parla d’altro. Il locale, molto noto a Conegliano, ha subito anche qualche danno, visto che alcune sedie e alcuni tavoli sono stati rotti. (Oggi Treviso)

Sono le 15.30 di domenica 2 maggio quando una dozzina di ragazzi accerchia quattro rivali, tranquillamente seduti a bere un aperitivo al Caffè al Teatro. Ad avere la peggio due giovani: uno, preso a bastonale, si accascia a terra con il volto sanguinante, l’altro perde conoscenza. (La Stampa)

Il cittadino deve essere parte attiva insieme alle forze dell’ordine”. Conegliano è sotto shock, e in città praticamente non si parla d’altro. (Oggi Treviso)

Conegliano, ancora in corso le indagini sul raid punitivo. Stamane incontro tra Prefetto di Treviso e il commissario Roccoberton

Provvedimento del questore nei confronti di due kosovari che hanno partecipato alla spedizione punitiva in piazza Cima. CONEGLIANO. Pugno duro del Questore Vito Montaruli nei confronti dei responsabili della rissa di Conegliano. (La Tribuna di Treviso)

Nel corso delle perquisizioni è stato sequestrato svariato materiale utile alle indagini, tra cui l’abbigliamento che i giovani avevano indosso all’atto dell’aggressione e alcune mazze ferrate e bastoni. (Qdpnews)

“Ho appreso con sgomento e sorpresa un fatto così grave: la situazione della sicurezza in città non era tale da far supporre un evento di tale natura”, ha aggiunto il commissario straordinario. Forse si sarebbe potuto evitare con quell’adeguata prevenzione che tutti noi, solo col buon senso, ci saremmo aspettati (Qdpnews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr