Il motore (marino) di Suzuki contro le microplastiche: mentre navighi pulisce l’acqua

Il motore (marino) di Suzuki contro le microplastiche: mentre navighi pulisce l’acqua
Corriere della Sera SCIENZA E TECNOLOGIA

Si chiama Micro-Plastic Collector ed è un dispositivo per motori fuoribordo che consente di raccogliere la microplastica presente nell’acqua del mare.

Il dispositivo può essere installato all’interno del sistema di raffreddamento del motore (che utilizza acqua di mare) senza influire sulle prestazioni poiché impiega solo l’acqua che è già stata utilizzata per raffreddare il motore.

Lanciato sul mercato da Suzuki Motor Corporation nel 2021, è un optional pensato per gli amanti del mare e dell’ecologia. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altre testate

Questa Applicazione. Lo strumento hardware o software mediante il quale sono raccolti e trattati i Dati Personali degli Utenti Google potrebbe utilizzare i Dati Personali per contestualizzare e personalizzare gli annunci del proprio network pubblicitario. (Crazywheels.it)

Nel frattempo, Kardesign ha pensato bene, qualche settimana fa, di cimentarsi nell'elaborazione tecnica e grafica di una possibile Suzuki GSX-R 1000R 2022, che peraltro - a parte qualche dettaglio - potrebbe non essere lontanissima dalla proposta che Suzuki farà debuttare (auspicabilmente) il prossimo autunno. (Moto.it)

Attraverso questa partnership con il Torino, Suzuki rinnova l’impegno a 360° nel mondo dello sport di cui condivide i valori di competitività e di assoluto rispetto delle regole e degli avversari Nel solco della collaborazione che lega il Torino Football Club e Suzuki da otto anni, per la stagione 2021/2022 il brand giapponese sarà Main Sponsor della squadra granata. (Adnkronos)

Ecco cosa succede quando una Suzuki Hayabusa incontra una smart

Senza esitazioni, dice Nalli: “Quando gli ho chiesto ‘Davide, dove lo facciamo?’ mi ha risposto immediatamente ‘Sul Carpegna’”. Ecco perché Marco Pantani, che qui a Carpegna ci arrivava partendo da Cesenatico, sosteneva che il Carpegna fosse ampiamente sufficiente come allenamento e salita test. (Moto.it)

Ci è spiaciuto un sacco, perché vogliamo bene al Jimny. Poi però la casa giapponese, nonostante una lista d’attesa più lunga della Nordschleife, ha dovuto cessarne la produzione (è disponibile da noi solo come autocarro) a causa delle solite menate antinquinamento. (evo magazine)

Poco più di 18 minuti dunque, il tempo di un pasto veloce, per vedere cosa diavolo è riuscito a fare. La prima è una smart, la regina delle citycar, la seconda è una Suzuki GSX1300R Hayabusa, regina indiscussa della velocità (qui trovi le moto di serie più veloci mai realizzate). (GPOne.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr