Mal'aria 2021, Legambiente denuncia “i costi dell'immobilismo”

Mal'aria 2021, Legambiente denuncia “i costi dell'immobilismo”
Per saperne di più:
La Difesa del Popolo INTERNO

Per Legambiente “l’adozione di misure antismog già da questo settembre ’21 potrebbe essere l’unico modo per evitare il superamento dei limiti giornalieri di polveri sottili durante l’autunno e l’inverno prossimi.

Mal’aria 2021, Legambiente denuncia “i costi dell’immobilismo”. “L’Italia è davanti a un bivio: pagare una multa miliardaria per inadempienza alla Commissione Europea, stimata da 1.5 a 2.3 miliardi di euro, oppure agire efficacemente e con urgenza per ridurre l’inquinamento delle nostre città. (La Difesa del Popolo)

Su altri media

Nella generalità, nell’ambiente urbano i due settori che incidono maggiormente sono la mobilità e il riscaldamento domestico, ma in alcune città l’inquinamento industriale o l’agricoltura hanno una notevole incidenza. (Minformo)

"Il report ‘Mal’aria’ di Legambiente certifica che ad oggi quattro capoluoghi veneti hanno già superato la soglia massima dei 35 sforamenti annui dei limiti di polveri sottili nell’aria Padova e Rovigo sfiorano il limite, registrando 35 giorni di sforamento al 6 settembre 2021, mentre la città di Torino ne registra 34. (il Resto del Carlino)

L’edizione speciale del dossier “Mal’Aria 2021” registra dati preoccupanti per 11 città italiane nelle quali il limite previsto per le polveri sottili, 35 giorni nell’anno solare con una media di PM10 giornaliera superiore ai 50 microgrammi/metro cubo, risulta superato. (Irpinia TV)

Treviso, allarme smog: auto Euro4 a rischio stop

"Abbiamo scritto al Commissario europeo all’Ambiente per esprimere la nostra preoccupazione circa l’inefficacia e i ritardi delle politiche italiane nel miglioramento della qualità dell’aria", dichiara il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani La multa potrebbe portare al taglio di futuri fondi europei destinati all’Italia, in primis, e poi alle singole Regioni. (IL GIORNO)

– In campo agricolo, l’associazione chiede il divieto di spandimento liquami in campo senza copertura immediata Per accelerare la transizione ecologica e avviare l’Italia “verso l’inquinamento zero”, per l’associazione sarà fondamentale realizzare insieme sia provvedimenti urgenti che riforme e opere strutturali. (ilCiriaco.it)

La misura, in realtà, doveva entrare in vigore già lo scorso anno, ma la pandemia ha portato a rinviare lo stop per evitare ulteriori complicanze in in fase già critica. Per Casartigiani Treviso bloccare i mezzi euro 4 per tutto l’inverno, significa “penalizzare le piccole imprese che ancora stanno soffrendo per le pandemia”. (Oggi Treviso)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr